Katio Landi, il cavese tra calcio iberico e la voglia di rientrare

La voglia di tornare, di ritrovare il calcio campano, o quanto meno italiano. I desideri, le nostalgie e le esperienze. Stiamo parlando di Katio Landi, cavese di nascita che ha lasciato il bel paese giovanissimo ma non senza aver fatto la gavetta.

Classe ’92 ha iniziato a muovere i primi passi nel calcio nella formazione giovanile della Juve Stabia, venendo poi notato dal Ravenna Calcio Academy. Tornato in Campania ha vestito le maglie di Libertas Stabia, Battipagliese, Cavese. La svolta arriva nel 2014, quando il trequartista campano si trasferisce in Spagna, dove si destreggia nella Serie B locale, la Secunda Division militando alla Buelna, Al Prat e nella scorsa annata nella CE Sabadell.

Landi ancora tesserato nel Sabadell sta cercando il treno che lo riporti nel proprio paese, dove ha già conosciuto i campionati di Serie D ed Eccellenza. Calciatore duttile, che nasce come esterno, ma si può spostare a giocare su entrambe le fasce e nel centrocampo, con propensione offensiva. Buona visione del gioco, tanto da sfruttare al meglio gli inserimenti tra le linee. Rapido e con un buon tiro può certamente ingolosire i calciatori con credo calcistico offensivo.

Condividi