Caso Casapesenna-Mondragone, la versione dei padroni di casa

Dopo il caos scaturito nella giornata di ieri tra Casapesenna e Mondragone City, la società biancazzurra ha voluto dire la sua provando attarverso un comunicato stampa.

In merito alla sospensione della partita di ieri tra Casapesenna e Mondragone city, finale play off di prima categoria, vogliamo fare un po’ di chiarezza:

Al minuto 13′ del primo tempo supplementare il Casapesenna con una splendida ripartenza segnava il 2 a 0 ( come da video ). Nei festeggiamenti per la realizzazione del gol venivano fortuitamente a contatto il mister locale e l’assistente di linea, il quale subito richiamava l’attenzione dell’arbitro per fare espellere l’allenatore. Da quel momento dalla panchina del Mondragone si alzavano diversi dirigenti e calciatori che con fare minaccioso si avvicinavano al guardalinee credendo che avesse segnalato qualche irregolarità nel gol appena realizzato ( trattavasi del secondo assistente, quindi nell’ altra metà campo e non era di sua competenza segnalare eventualmente il fuorigioco come volevano gli ospiti). In particolare il numero 8 del Mondragone si avvicinava alla panchina locale con atteggiamenti non proprio amichevoli scatenando una rissa e provocando la sospensione della partita.