Acerrana. Dalla promozione all’organizzazione: l’Arcoleo sotto la lente

La Real Acerrana non ha ancora terminato di festeggiare la promozione in Serie D arrivata dopo un ventennio, ma è già tempo di pensare a organizzare la nuova stagione. Infatti, non bisogna prendere sotto gamba la situazione che riguarda lo stadio Arcoleo.

L’impianto, teatro delle partite casalinghe dell’Acerrana, ha necessità di ammodernamenti che riguardano il settore ospiti, la via di fuga e la tribuna centrale. Già in questa annata la società presieduta da Guastafierro ha dovuto giocare con il settore ospiti chiuso perchè nonostante sia rimesso a nuovo non è agibile a causa dell’ingresso comune tra settore destinato ai tifosi avversari e quello dei tifosi locali. Insomma manca la via di fuga per l’ordine pubblico

Settore dunque con due tribunette elevate in ferro per una capienza complessiva di circa 500 posti. Manca l’omologazione, ma non è solo questo l’intervento di cui ha bisogno lo stadio Arcoleo. Infatti anche la tribuna centrale ha necessità di essere ampliata e ristrutturata. In particolare si attendono i lavori per la copertura, regalando una miglioria all’impianto.

Lavori che spettano al Comune di Acerra, essendo un impianto comunale, che si sta muovendo per cercare di sistemare la situazione. Gli interventi, però, quanto meno quello riguardante la via di fuga sembrerebbe essere una priorità. Infatti, nonostante la deroga spettante al club, vincitore del campionato, non metta a rischio la disputa delle gare casalinghe all’Arcoleo, non è da trascurare il problema introiti.

La chiusura del settore ospiti, appunto andrebbe a danneggiare la società che con tanti sforzi sta riportando in auge dopo anni di oblio e disinteresse. Situazione che metterebbe a serio rischio sia l’apporto economico alla causa sia la possibilità e volontà di Guastafierro di continuare a investire nel calcio. Problemi, comunque, che non dovrebbero far tremare i tifosi essendo ipotetiche e premature, ma che dovrebbero suonare da accelerante all’Amministrazione.