Juve Stabia. Forte è tutto dei gialloblù: le vespe riscattano lo ‘squalo’

Sta tornando il sereno in casa Juve Stabia. In questi giorni il clima che si respirava intorno all’ambiente gialloblù si era fatto a dir poco pesante a causa del roboante confronto avvenuto a margine di una nota trasmissione locale tra il presidente Andrea Langella ed il socio Franco Manniello. Una lunga querelle che ha portato alle dimissioni da amministratore unico di Vincenzo D’Elia e quelle dello stesso patron di San Giuseppe Vesuviano. Un’area di guerra che è stata placata sul nascere dal decisivo intervento proprio dal sindaco della città di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino. Il primo cittadino, infatti, con un incontro avvenuto nella giornata di ieri a Palazzo Farnese, sede del Comune, è riuscito a far tornare sui propri passi le due massime figure della società termale (CLICCA QUI). 

Quindi, svanita l’area di discordia che echeggiava in casa Juve Stabia, adesso il club gialloblù può finalmente dedicare cuore e mente al campionato che riperderà il 20 giugno (CLICCA QUI), tenendo però un occhio rivolto anche al futuro. Una delle prime mosse effettuate dalla società termale in vista sopratutto della prossima stagione è stata quella di assicurarsi l’intero cartellino di Francesco Forte, arrivato a Castellammare dai belgi del Waasland-Beveren in  prestito con diritto di riscatto. Il ds Ciro Polito, nei panni del tutto fare in questo momento di emergenza, ha raggiunto l’intesa con la società fiamminga. L’attaccante classe 1993, sin qui ha disputato una stagione straordinaria con indosso la maglia gialloblù. Prima dell’avvento del Covid-19, lo ‘squalo’ stava trascinando la Juve Stabia a suon di gol verso la salvezza. Sono stati fin qui 13 le reti messe a segno da Francesco Forte in 22 presenze con le vespe. Numeri che hanno convinto in maniera netta il club gialloblù a diventare proprietario unico del calciatore scuola Inter.

La Juve Stabia, dopo il no del Waasland-Beveren in merito ad un eventuale dilazionamento della cifra pattuita, in queste ultime ore ha deciso di accontentare le esigenti richieste del club belga, sborsando l’intera somma prevista per riscattare il cartellino di Francesco Forte. A spingere in maniera concreta per mandare in porto il riscatto è stato il patron Andrea Langella. Dunque, adesso l’attaccante romano è a tutti gli effetti un calciatore dei gialloblù. Ma nonostante il riscatto esercitato, non è detto che il futuro di Francesco Forte sia ancora legato alla Juve Stabia. Sul bomber delle vespe, di fatto, questa estate potrebbero farsi avanti diversi club, anche di Serie A. Sulle tracce dello ‘squalo’ ci sarebbero già Genoa, Parma, Spal e Brescia.

 

 

Nunzio Marrazzo (Ph Antonio Gargiulo)

Condividi