Futuro Savoia, incontro tra Franceschini ed il sindaco di Torre Annunziata. Ma non è l’unica piazza interessata: decisione in 48-72 ore

Sono ore frenetiche quelle che si stanno vivendo a Torre Annunziata, con la piazza oplontina alla ricerca spasmodica di una soluzione che permetta di non far scomparire il Savoia calcio dopo la fuga dei Mazzamauro. Al momento, l’unica strada percorribile è quella relativa al titolo del Giugliano (in bilico tra l’Eccellenza ed un complicatissimo ripescaggio in Serie D), attualmente in mano a Riccardo Franceschini, che un passato a Torre Annunziata lo ha già, essendo stato direttore sportivo del Savoia nella stagione 1980/‘81, con Franco Immobile presidente.

Come raccolto in anteprima dalla nostra redazione, questo pomeriggio Franceschini ha incontrato il sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione. Al meeting erano presenti anche Felicio Ferraro, dirigente per vari anni proprio del Savoia, ed il papà di Ciro ImmobileAntonio, che potrebbe eventualmente dare un apporto allo stesso Franceschini.

Quest’ultimo ha apprezzato la disponibilità del sindaco e dell’assessore allo sport Muto, ma ha specificato che al di là del sentimenti personali che lo legano a Torre Annunziata ha il dovere di salvaguardare il finanziamento del gruppo di soci di cui fa parte. Ecco perché Franceschini ha fatto presente al primo cittadino oplontino di essere comunque in trattativa con altre due piazze campane, quelle di Casoria e di Pozzuoli, e che scioglierà le riserve su dove fare calcio nei prossimi due-tre giorni.