Calcioscommesse. Deferito Gillet, archiviata posizione Ranocchia

Il portiere del Torino ed ex Bari, Jean Francois Gillet, tra i deferiti per illecito sportivo nell’ambito del filone Bari-bis dell’inchiesta sul calcioscommesse. La procura federale, invece, ha archiviato la posizione di Andrea Ranocchia, difensore del Bari e della Nazionale e anche lui ex Bari, che non risulta tra i deferiti.
La Federcalcio ha reso noto che “la Procura Federale, esaminati gli atti di indagine posti in essere dalla Procura della Repubblica di Bari ed espletata la conseguente attivita’ istruttoria in sede disciplinare, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale 11 tesserati in relazione alla gara Bari-Treviso dell’11 maggio 2008 “per avere posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento ed il risultato” e altri 8 per omessa denuncia. In relazione alla gara Salernitana-Bari del 23 maggio 2009 sono stati deferiti 19 tesserati “per avere posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento ed il risultato” e 2 per omessa denuncia.
Deferito anche il Bari a titolo di responsabilita’ oggettiva per gli addebiti contestati ai propri tesserati nelle due gare in oggetto. Queste nel dettaglio le decisioni del procuratore federale, Stefano Palazzi, che ha deferito alla Disciplinare, per la gara Bari-Treviso dell’11 maggio 2008 i seguenti tesserati: “Nicola Belmonte, Massimo Bonanni, Marco Esposito, Massimo Ganci, Jean Francois Gillet, Davide Lanzafame, Ivan Rajcic, Vincenzo Santoruvo, Vitangelo Spadavecchia e Nicola Strambelli, all’epoca dei fatti calciatori tutti tesserati per il Bari, nonche’ William Pianu, calciatore tesserato all’epoca dei fatti per il Treviso, per violazione dell’art. 7, commi 1, 2 e 5, del Codice di Giustizia Sportiva per avere, prima della gara Bari-Treviso dell’11 maggio 2008, in concorso fra loro e con altri soggetti allo stato non identificati, posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento e il risultato della gara suddetta, prendendo contatti ed accordi diretti allo scopo sopra indicato”.

fonte: Agi

Condividi