Virtus Lanciano-Salernitana 2-2. Amaro pareggio al “Biondi” per i granata

Decima giornata di campionato di Serie B, la Salernitana non riesce ad andare oltre il pareggio allo stadio Guido Biondi di Lanciano, contro la Virtus Lanciano, alla doppietta dell’ex Parma, Massimo Coda, risponde Piccolo con altrettanti due reti. Amaro pareggio per la squadra di Torrente che a quota 10 punti in classifica si piazza al terzultimo posto, davanti a Pro Vercelli e Como.

Il Match ‚Äì Tra le fila della Salernitana, Moro prende il posto di Pestrin, ex di turno, solo panchina per Alfredo Donnarumma, altro ex del Lanciano. Il tecnico degli abruzzesi, D’Aversa, manda in campo De Silvestro e Turchi. All’avvio è la Salernitana a partire all’attacco provando subito a mettere in difficoltà la retroguardia rossonera. L’offensiva degli uomini di Torrente paga, poich√© i granata sbloccano la gara al 5′ con Coda, l’attaccante da venti metri beffa Aridità con un tiro sul primo palo. Realizzato il vantaggio, la Salernitana è un fiume in piena e prova a raddoppiare con Gabionetta, ma Aridità fa buona guardia. Entra in campo Pestrin al posto dell’infortunato Bovo. I granata trovano la seconda rete del match al 12′ ancora con Coda, questa volta l’ex Parma sfrutta un errore difensivo di De Silvestro e da pochi passi sigla la sua personale doppietta. La Virtus Lanciano non sembra molto attiva, quasi come se le forze fossero venute meno quasi subito, spezzate anche dall’uno duo degli ospiti. Quindi Piccolo prova a dare una svegliata ai suoi seminando il panico nella retroguardia granata e servendo Turchi, il quale da sotto porta non riesce a spingere in rete grazie anche all’intervento di Colombo che salva i suoi. Gli uomini di D’Aversa riaprono il match al 25′ con Piccolo, il più pericoloso degli abruzzesi, che devia in porta una respinta corta di Strakosha. Pochi minuti e Paghera sfiora il pareggio per il Lanciano direttamente da calcio d’angolo. Alla mezz’ora riecco la Salernitana con Gabionetta, in progressione, che per poco non mette a segno la terza rete per gli uomini di Torrente. Le due squadra vanno a riposo con il risultato che vede premiare la compagine campana, grazie ad un avvio scoppiettante.

Nella ripresa la Salernitana parte subito forte all’attacco, ma ad esultare sono i rossoneri che conquistano un calcio di rigore per fallo di mano in area di rigore da parte di Moro, anche se Piccolo nel frattempo aveva realizzato il pareggio. Dagli undici metri si presenta lo stesso Piccolo, che spiazza Strakosha. Gli uomini di Torrente provano a reagire, ma rischiano di concedere contropiedi pericolosi. Le squadre iniziano ad allungarsi, entrambe alla ricerca della rete del vantaggio. Il match è vivo e si accendono anche gli animi in campo, Piccolo resta a terra infortunato, i granata però continuano a giocare senza fermarsi, da qui ne scaturisce un battibecco a centrocampo, subito però sedato dal signor Manganiello. Esce quindi Piccolo, al suo posto l’ex Atalanta, Marilungo. Quando manca poco più di un quarto d’ora dalla fine, Pestrin sfrutta una palla persa da De Silvestro a centrocampo per lanciare Coda, l’attaccante prova la conclusione al volo senza trovare la giusta potenza e l’estremo Aridità blocca. La risposta dei padroni di casa è affidata a Ferrari che in rovesciata prova superare Strakosha, ma la conclusione sorvola la traversa. Nel finale di gara i padroni di casa provano a far pendere a proprio favore l’ago della bilancia riversandosi nella metà campo granata, ma la difesa non sta a guardare. Gabionetta risponde alle offensive avversaria con una delle sue percussioni che manda in affanno la retroguardia abruzzese, la quale allontana con fatica. Quasi allo scadere Gabionetta prova l’eurogol di tacco, ma la sfera finisce molto alta. La gara si conclude cos√¨, con la Salernitana che si fa rimondare il doppio vantaggio dalla Virtus Lanciano e rimanda clamorosamente l’appuntamento con la vittoria. Il 31 ottobre, gli uomini di Torrente saranno impegnati nel match dell’Arechi contro il Perugia.

VIRTUS LANCIANO (4-3-3): ; Aridità, Vastola (35′ st Zè Eduardo), Rigione, Amenta, Pucino; Turchi, Paghera, De Cecco; Piccolo (14′ st Marilungo), Ferrari, De Silvestro. A disposizione: Casadei, Bacinovic, Di Francesco, Di Filippo, Lanini, Crecco, Di Matteo. Allenatore: D’Aversa.

SALERNITANA (4-3-3): Strakosha; Colombo (25′ st Franco), Lanzaro, Empereur, Rossi; Bovo (12′ st Pestrin) Moro, Sciaudone; Troianiello (28′ st Odjer), Coda, Gabionetta. A disposizione: Terracciano, Pollace, Tarallo, Milinkovic, Perrulli, Donnarumma. Allenatore: Torrente

Arbitro: Sig. Gianluca Manganiello della sezione di Pinerolo

Collaboratori di linea: Sig. Stefano Liberti della sezione di Pisa – Maurizio De Troia della sezione di Termoli

Rete: 6′ e 13′ pt Coda, 26′ pt 6′ st Piccolo

Ammoniti: Colombo, Troianiello, Vastola, Moro, Sciaudone

Espulsi:

Calci d’angolo: 5- 6

Spettatori: 2588

Incasso: 17 mila euro circa

Recupero: 2′ pt – 3′ st

Gianfranco Collaro

Condividi