Villaricca Calcio. Capitan Porcelli scapitante: “Era ora che tornasse il calcio giocato”

In casa Villaricca si scalpita anche per la voglia di affrontare al meglio il campionato di Prima Categoria. All’indomani dalla decisione delle starting date e del sorteggio della Coppa Campania si comincia con il countdown.

Si scenderà in campo il prossimo 2 ottobre per la coppa di categoria e il 5 per la prima di campionato. Alla guida dei giallorossi capitan Emanuele Porcelli, in prima fila pronto a ricominciare: “Finalmente a breve si comincia -commenta ai nostri microfoni il capitano del Villaricca- Viviamo quest’attesa con ansia, quindi l’inizio del campionato vuol dire tornare in campo, tornare a giocare, partite ufficiali. Ovviamente si parla di ansia positiva, siamo impazienti di ritornare sul rettangolo verde”.

Nei prossimi giorni saranno resi pubblici i gironi del prossimo campionato: “Mi aspetto..non so lo so. Abbiamo saputo che ci sono molte squadre ripescate, poi c’è sempre l’incognita del casertano. Bisognerà capire che gironi costruiranno. Noi abbiamo incontrato squadre di prima, tutte ben organizzate. Il livello è alto, molto rimarcata la differenza tra la Prima e la Seconda Categoria. Avversarie? Non ho preferenze, perchè come detto prima, il livello è alto. Scansare qualche squadra più forte nel napoletano equivale a prendere squadre altrettanto forte nel casertano. Sappiamo che sarà un campionato duro, sappiamo cosa possiamo dare, quindi è indifferente”.

Per quel che riguarda, un bilancio post-preparazione sul Villaricca: “La vedo bene, perchè l’ossatura è rimasta quella dell’anno scorso, è rimasto lo zoccolo duro del Villaricca degli ultimi anni. Si sono uniti due ragazzi giovani e due ragazzi preparati. Io sono di parte, è vero, ma sono convinto che siamo una bella squadra”.

Un pronostico sul campionato dei giallorossi e sulla possibilità di bissare la stagione scorsa: “Ripetere la stagione dello scorso anno non credo che potremmo: facemmo un campionato straordinario. Ripeterlo è improbabile, quest’anno l’obiettivo primario è mantenere la categoria, poi strada facendo uno si rende conto delle proprie forze, di quelle del girone e ci si può regolare in base a questo. L’appetito vien mangiando”.