Vibonese-Paganese 5-2. Azzurrostellati disintegrati, prima vittoria interna per i calabri

Latita ancora la prima vittoria per la Paganese, travolta dalla Vibonese tra le mura del Razza di Vibo Valentia. Prestazione da dimenticare per gli uomini di Alessandro Erra, che tornano a casa con una vera e propria batosta. Finisce 5-2, ma è già profondo rosso per la squadra campana. Arriva invece, la prima vittoria interna per la squadra di Galfano.

IL MATCH – Vibonese che si fa subito sentire e già dopo cinque minuti prova l’affondo. Mahrous servi al centro dell’area, ma non arrivano compagni a deviare in porta. I padroni di casa mettono in chiaro le cose, mentre la Vibonese attende timidamente, facendosi vedere solo pochi minuti più tardi con un doppio tentativo dalla distanza che non scompone Mengoni. Pressione alta per i calabresi, che al 10′ rompono gli indugi e mettono a segno il gol dell’1-0. Statella serve Laaribi, inzuccata perfetta e palla che si insacca alle spalle di Fasan che non può nulla. Si attende la reazione azzurrostellata, ma non arriva. La Vibonese è padrona del campo e al 19′ trova anche il raddoppio. Fasan complice per un errore di valutazione che facilita il gol. Marcatura di Statella, che tanta lo scavetto, tiro completamente da dimenticare, seppur l’effetto è quello migliore. L’estremo campano, infatti, non riesce a intuire la traiettoria rimanendo beffato. Arriva la reazione della Paganese, che risponde in maniera cattiva iniziando a rimediare anche cartellini. Non c’è, però, nessun pericolo per Mengoni. L’estremo rossoblù riesce a rispondere bene sul tentativo rasoterra di Mattia. La pressione della Vibonese non si placa e nel finale di primo tempo arrivano altri tentativi, che, però, non fanno cambiare il risultato.

Nella ripresa è subito 3-0 nonostante i primi cambi tecnici e tattici di Erra. Dentro Medicino e difesa che passa a quattro, ma non arrivano i frutti sperati. Plescia prova con un colpo di testa servito da Statella, ma il pallone è alto. Al 51′ ecco il tris siglato da Spina, pià svelto e furbo in un batti e ribatti nell’area azzurra. La partita potrebbe cambiare inerzia appena cinque minuti più tardi. Ennesima ingenuità di Mahrous, che questa volta provoca un rigore per l’atterramento di Onescu. Al dischetto si presenta Diop. La punta paganese non sbaglia. Reazione immediata per la Vibonese, però, che appena pochi secondi più tardi manda in tilt la difesa azzurrostellata. Triangolazione tra Plescia e Pugliese con quest’ultimo atterrato in area da Sbampato. Fischia di nuovo il direttore di gara, ma per il fronte opposto. Rigore, quindi, per i padroni di casa. Va Pugliese e palla in porta. Fusan intuisce, ma il tocco non è sufficiente per la deviazione. Arriva, quindi, il poker. Paganese atterrita e Statella che appena pochi giri di lancette dopo sfiora la manita. E’ solo questione di tempo. La Paganese inizia a muoversi in maniera interessante e aggressiva, sfiorando il gol del 4-2 con Mendicino e Onescu, il primo la manda alta, mantre sul rumeno c’è un ottimo intervento di Mengoni. Al 76′ sarà proprio Mengoni a sbagliare clamorosamente. Dentro Scarpa, Erra vuole appesantire l’attacco e provare il tutto per tutto. Proprio il centravanti di Torre Annunziata trova il gol che potrebbe realmente riaprire il match. Al 76′ tentativo di Guadagni, respinta del portiere calabrese e tap-in vincente di Scarpa. Il finale, però, continua a racconta una storia dal lieto fine per la padrona di casa. Pressione asfissiante, Paganese che prova a tenere testa, ma c’è un secondo rigore per la squadra di Galfano. Parigi, infatti, dopo essersi visto parare da Fasan un gol praticamente fatto, trova un rigore preziosissimo. Proprio Fasan è colui che lo procura atterrando Laaribi. Al dischetto Parigi non sbaglia e descreta la fine del match. E’ il 42′ e non c’è più tempo per la Paganese di riprendere il risultato.

Vibonese-Paganese 5-2 (2-0 parziale)

Vibonese (4-3-3): Mengoni; Ciotti (38’st Sciacca), Bachini, Redolfi, Mahrous; Laaribi, Pugliese (16’st Vitiello), Tumbarello (38’st Prezzabile); Spina, Plescia (28’st Parigi), Statella (28’st Montagno). A disp. Marson, Rasi, La Ragione, Berardi, Falla, Ambro, Mattei. All. Galfano

Paganese (5-3-2): Fasan; Mattia (12’st Scarpa), Sbampato, Schiavino, Sirignano (1’st Mendicino), Squillace; Onescu, Bonavolontà (33’st Bramati), Benedetti (12’st Carotenuto); Guadagni, Diop (28’st Isufaj). A disp. Campani, Bovenzi, Esposito, Perazzolo, Cicagna, Curci. All. Erra

Arbitro: Giordano di Novara
assistenti Toce e Lisi di Firenze, VI uomo: Iannello di Messina)
Marcatori: 10’pt Laaribi (V), 18’pt Statella (V), 5’st Spina (V), 9’st Diop (P, rigore), 13’st Pugliese (V, rigore), 29’st Scarpa (P), 42’st Parigi (V, rigore)

Ammoniti: Pugliese, Redolfi (V), Sirignano, Fasan (P).

Recuperi: 1’pt e 4’st

Condividi