UN CALCIO AI LIBRI РIl Barça di Sandro Modeo

Si tratta di un interessante saggio letto erroneamente da molti addetti ai lavori (allenatori soprattutto) perch√© pensavano di trovare la “formula tecnico-tattica del successo sportivo dei blaugrana” e di replicarla, in maniera ridicola, nell’ambito delle proprie squadre !!!

Noi lo abbiamo invece letto secondo i dettami che l’ottimo Modeo ha cercato di trasmettere perch√©’ si parla spesso del modello Barcellona ma pochi sanno che la filosofia di base della società’ catalana e’ quella di ” vivere lo sport come strumento educativo, come momento di crescita e di maturazione”.
E si tratta di un modello imitabile a qualsiasi livello, ripetibile laddove (anche e soprattutto nello sport dilettantistico) quelle best practises diventino regole !!!

NO, non stiamo vaneggiando e anche se lo facessimo sarebbe propedeutico e necessario per indurvi a lleggerlo !!!.
Ripeto: qui NON parliamo di calcio.‚Ķ‚Ķ‚Ķ‚Ķ del tiki taka, del possesso palla che raggiunge percentuali da play station, del piu’ grande giocatore del pianeta e di altri 10 fuoriclasse, delle visioni olandesi di Pep Guardiola ‚Ķ‚Ķ‚Ķ‚Ķno tutto questo non ci interessa in questa rubrica.

Ci interessa analizzare alcuni aspetti del modello Barça che sono alla base poi dei risultati sportivi, secondo noi i capisaldi per la costruzione di un gruppo societario e sportivo vincente.

Due o tre cose che forse non tutti sanno e che esprimono lo spirito didemocrazia e diritto vigente in tutta la filosofia blaugrana cosi’ come espresso dall’ex presidente Laporta in una bellissima intervista riportata in allegato
Una filosofia di gruppo che si basa su cultura dello sforzo, onestà, responsabilità, senso comune.
Ma poi in cosa si traduce questa mentalita’ ? Quali sono i comportamenti concreti che si DEVONO seguire al Barca per rispettare quella filosofia ?

Appunto i comportamenti concreti che si PRETENDONO da calciatori superpagati affinche allenino le loro intelligenze al rispetto del patrimonio comune , atteggiamenti che poi diventano stato mentale e alla fine, ma solo alla fine, si traducono nel tiki taki‚Ķ‚Ķ‚Ķ.un tocco, al massimo due perche’ al Barca, in mezzo al campo, si lavora per gli altri e si corre avanti‚Ķ..e’ cos√¨ che si vince: si vince col dare, ed è una bellezza, piacere puro, da insegnare ai bambini‚Ķ..da tornare bambini.

E allora non tutti sanno che :
– Guardiola pretende che per arrivare agli allenamenti e in giro per la citta’ i calciatori utilizzino autovetture utilitarie perche’ non basta saper giocar bene ma bisogna essere umili e non fare i gradassi. ‚Ķ‚Ķperche’ fra la squadra e la comunità deve esserci una prossimità integrale‚Ķ..e se in giro c’e’ miseria ‚Ķ‚Ķ
– Guardiola pretende che dopo ogni gol l’esultanza non sia mai individuale perche’ il calcio è un gioco collettivo e il Bar√ßa è il più solidale tra i collettivi‚Ķ‚Ķ..quindi nessuna capriola o pantomima ma semplicemente le braccia alzate al cielo da parte del giocatore che ha fatto gol in attesa che arrivino i compagni per un unico grande abbraccio.
– Il capitano Puyol ha rinunciato, nel maggio 2011, ad alzare l’ultima Champions League , preferendo far vivere quel magico momento al compagno Abidal, al rientro dopo una grave malattia perche’ i calciatori tra di loro devonoessere buoni amici‚Ķ..che si aiutano, sono una comunità‚Ķ.generosi e solidali tra loro
– il presidente qualche anno fa ha detto di no alla costruzione dei Casino Eurovegas sui terreni della società, prima di lasciare perche’ il Barcellona e’ la squadra che costruisce scuole in Malawi, non sale bingo sotto casa‚Ķ‚ĶSiamo quelli del lavoro non quelli del colpo di fortuna.

Ma per realizzare questo occorre investire in tempo e far metabolizzare questi concetti perche’ la cantera non e’ solo il vivaio dove si impara a giocare il‚Ķ.tiki taka ma soprattutto una scuola di vita dove i ragazzi in campo oggi, da Messi a Xavi, da Puyol a Iniesta, da Busquets a Fabregas sono cresciuti insieme. Da quando avevano 8, 10 anni sono stati educati a essere buona gente‚Ķ.umili‚Ķ..che non fanno i gradassi‚Ķ..che hanno buoni amici‚Ķ. che si aiutano,‚Ķche sono generosi e solidali‚Ķ..che sono vicini alla comunità in cui vivono.

‚Ķ‚Ķ‚ĶMes que un club !!!‚Ķ‚Ķ..perche’ come disse Kahlil Gibran Preferisco essere un sognatore fra i più umili con visioni da realizzare, piuttosto che il principe di un popolo senza sogni nè desideri.
Lettura obbligatoria per tutti gli attori che operano nello sport dilettantistico !!!

Vincenzo Imperatore

sandro_modeo_ilbarça

IL BARçA
di Sandro Modeo
edizioni ISBN
DISCLAIMER
La diffusione delle notizie di carattere giornalistico tratte integralmente o parzialmente da altre fonti rispetta quanto disposto dall’articolo 101 della Legge sul diritto d’autore laddove dispone che la riproduzione di informazioni e notizie è lecita purch√© non sia effettuata con l’impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e ne sia citata la fonte. La lettera b) del comma 1 configura come atto illecito la riproduzione sistematica di informazioni o notizie pubblicate o radiodiffuse, a scopo di lucro, sia da parte di giornali o di altri periodici, sia da parte di imprese di radiodiffusione (e per analogia anche da imprese che utilizzano canali di comunicazione al grande pubblico diversi da quelli citati, e fra i quali rientrano anche i siti web).
Per tale motivo specifichiamo che la riproduzione di informazioni o notizie sul sito web http://www.sportcampania.it/ (pubblicate o radiodiffuse con altri mezzi), NON HA ALCUN SCOPO DI LUCRO ma solo l’obiettivo di libera comunicazione al pubblico nei limiti giustificati dallo scopo informativo

Condividi