Turris Octava-C. Paradiso Acerra 4-2. Acerrani belli e inesperti

TURRIS OCTAVA: Linguella, Ballarano, Mollo (K), Fierro, Fabiano, De Luca, Romano, Acampora, Zurolo, Volpe, Iorio, Marino. All. Volpe

CLUB PARADISO ACERRA: Terracciano; De Angelis, Iorio, Di Balsamo, Scaniglia (K), D’Anna, Puzone, D’Antò, Soriano, Pintauro, Di Fiore. All. Soriano

 

Arbitro: Dorio di Napoli

Risultato finale: 4-2
Reti : P.T. 6′ Volpe, 27′ Fierro; S.T. 9′ aut. D’Anna, 18′ Scaniglia, 25′ Fierro, 28′ D’Anna.

Ammoniti: Zurolo (T) e Soriano (P).

Falli subiti: P.T. 2-3; S.T. 4-3

Recupero: P.T. 1 min; S.T. 2 min.

 

TORRE DEL GRECO. Club Paradiso bravo ma troppo inesperto, questa la sintesi della quarta giornata di campionato. Acerani di scena sul campo di una delle contendenti al primato senza timori paura giocano un primo tempo alla pari rovinato solo da due palesi errori dell’assetto difensivo da un miracolo di Romano sulla linea. Al sesto, al primo tiro in porta della gara la Turris passa in vantaggio sfruttando un’ incomprensione tra De Angelis e i suoi compagni nella disposizione della barriere segnando grazie alla rasoiata rasoterra di Volpe. Equilibrio rotto nel punteggio ma non nel gioco cos√¨ al 16′ gli ospiti hanno ben due occasioni per pareggiare il conto: prima Di Fiore prova a concludere un contropiede con un pallonetto sul quale s’immola Languella con la palla che termina in terra di nessuno cos√¨ si catapulta D’Anna su di essa calciando a botta sicura, ma sulla linea improvvisamente si materializza Romano mettendo in corner. La beffa rossoblu si concretizza tutta a tre minuti dal termine del primo tempo quando il pivot di turno si perde la marcatura di Fierro concedendo a lui lo specchio della porta e la conclusione indisturbata. 2 a 0 e squadre negli spogliatoi. Dagli spogliatoi esce un Paradiso spento e privo di idee che va in balia dell’avversario al punto di subire il terzo gol con un tocco rocambolesco di D’Anna che sugli sviluppi di un calcio d’angolo beffa il proprio estremo difensore. L’autorete improvvisamente risveglia gli uomini di Soriano dal torpore riportando la gara in un equilibrio perfetto, almeno dal punto di vista tattico e del gioco. Ora la gara è bella con il punteggio che può cambiare in qualsiasi momento da un lato come dall’altro: protagonisti diventano i due portieri bravi a neutralizzare, anche con interventi eccellenti e con uscite fuori dall’area di competenza, gli attacchi avversari. Attacchi che finalmente si concretizzano al diciottesimo quando da una palla rubata da D’antò nasce un contropiede rifinito da Soriano e realizzato da Scaniglia, con il capitano acerrano che riporta i suoi in gara. Gara che resta in equilibrio, equilibrio interrotto nuovamente da un colpo di prestigio di Fierro che in contropiede solitario abbatte De Angelis con una conclusione all’incrocio dei pali.

Da qui in avanti, complice la convinzione casalinga di avere i tre punti in cascina, è solo Paradiso! Al 28′ D’Anna concretizza in gol un’eccellente progressione sulla destra di Di Balsamo; stesso Di Balsamo che una quarantina di secondi più tardi vede finire la sua conclusione dai 15 metri colpire il palo esterno e terminare sul fondo. Al 30′ solo un volo, ai limiti del possibile, di Languella nega il gol a Pintauro, il quale aveva lasciato partire un bolide mancino destinato ad insaccarsi sotto l’incrocio dei pali. Nell’ultimo minuto di recupero è ancora Pintauro a far tremare la Turris Octava concludendo una manovra offensiva dei suoi con un piattone che colpisce il palo e termina tra le braccia del portiere.

Si chiude cos√¨ la gara, con gli acerrani bravi a non concedere campo e gioco ad avversari nettamente più forti ed esperti ma allo stesso tempo ingenui nel commettere errori, soprattutto da palla ferma, regalando occasioni a gente del calibro di Mario Fierro, abituato a non perdonare.

Ufficio stampa A.S.D. CLUB PARADISO ACERRA

Salvatore d’Anza

Condividi