Turris. La fine di un’agonia: ok stadio ed iscrizione

Sembra la fine di un incubo per la Turris, la società, i tifosi, i calciatori. Antonio Colantonio, il direttore generale Rosario Primicile, ma anche il Sindaco Giovanni Palomba sono riusciti a dare il continuum ad una storia incantata che ancora deve entrare nel vivo. Dopo l’ok da Avellino, Sindaco prima, club dopo e Prefettura poi è arrivato l’ok anche da Potenza, dove tutte e tre le parti hanno accordato, burocraticamente, sia il Viviani che il Partenio.

La scelta con estrema probabilità cadrà proprio sull’impianto del capoluogo irpino che, appunto, ospiterà solo sulle carte la Turris, mentre dalla Lega pro arrivano rassicurazioni sulla questione compresenza. Infatti, non esiste un regolamento che vieti a tre squadre della categoria di giocare sullo stesso campo, anche perchè, andando poi con pignoleria a guardare, si tratterebbe di una contemporaneità a due, vista la consuetudine dell’alternanza casa-trasferta per la presenza di due squadre.

Il rientro al Liguori è previsto per la fine di agosto, quando le carte dovrebbero contare anche la certificazione Fifa Quality pro. Tutto è bene quel che finisce bene, quindi. Iscrizione a buon fine, quindi, per la Turris che sarà ratificata presto.

Condividi