“Top & Flop”. Savoia e Gragnano regine dei derby, Pomigliano serve una scossa

Torna per la quarta settimana la nostra rubrica “Top & Flop” nella quale andiamo a focalizzarci sulle prestazioni giornaliere delle campane militanti nel campionato di Serie D.

TOP

Città di Gragnano – Ancora una volta il sodalizio di Vincenzo Martone entra di diritto nella top three settimanale. Vince il derby contro il Pomigliano grazie ad una grande prestazione corale, ma soprattutto di Amir Gassama tornato in prestito dal Potenza. Un gol e un assist per il guineano partenopeo d’adozione che permette ai gialloblù di rimontare il risultato a tornare subito alla vittoria dopo la sconfitta di Taranto.

Portici – Quarta vittoria di fila per i vesuviani di mauro Chianese che con supremazia si prende i tre punti contro il Città di Messina. Un poker già nel primo tempo e un’ingenuità di Sall che si fa espellere. Solo un rigore non permette agli azzurri di uscire dal campo con la porta inviolata. Tre punti che regalano agli azzurri un salto in zona play-off.

Savoia – Terza vittoria consecutiva per il Savoia, che porta a casa il derby contro il Sorrento approfittando degli errori difensivi dei costieri. Due gol arrivati soprattutto per defiance avversarie che per meriti dei bianchi, ma questo non sminuisce la vittoria, anche perchè il Savoia potrebbe chiudere con un risultato più rotondo.

FLOP

Pomigliano – I granata passano in vantaggio con una magistrale punizione da parte di Girardi. La squadra di Napoli non riesce a gestire e nel giro di pochi minuti la formazione ospita ribalta i risultato prima sugli sviluppi di un calcio piazzato, poi con un’azione sulla destra. Alla squadra di Pipola serve una svolta, alla svelta per provare a restare agganciato alla speranza di mantenere la categoria.

Granata – Non si schioda dagli otto punti la formazione di Antonio Maschio che cadono anche sotto i colpi della Fidelis Andria.

Sarnese – Contro il Bitonto era complicato, lo si sapeva già guardando le formazioni in campo. Il risultato di 3-0 arrivato nel secondo tempo, però, è l’emblema di qualcosa che non funziona. La Sarnese cade dopo la vittoria della scorsa giornata. Una sconfitta sulla quale, però, i difensori dovrebbero fare un grande mea culpa. Il Bitonto approfitta delle amnesie difensive della retroguardia. Si salva nel primo tempo, ma non nel secondo.

Cristina Mariano

Condividi