Top & Flop. Azzurri Vs Azzurri: la sputano i partenopei, ma toscani niente male

Il Napoli vince contro l’Empoli, ex squadra del tecnico Maurizio Sarri, che sia con il toscano che con Giampaolo alla guida ha sempre creato tanti problemi. Quest’anno, guardando la classifica e l’andamento della formazione di Martusciello, la solfa sarebbe dovuta essere differente e invece, nel secondo tempo hanno sfiorato il colpaccio.

Sono molti gli aspetti da analizzare della formazione di casa: dopo le polemiche e i dubbi sorti in seguito alle prestazione poco convincenti, Reina si fa perdonare e attende le scuse di tutti. Lo spagnolo infatti, salva il risultato con una parata alla stregua dell’indimenticabile manata di Rafael in Supercoppa Italiana contro la Juventus.

Fronte toscano. La squadra empolese ha dato filo da torcere agli azzurri. In particolare l’ex Roma Skorupski, protagonista di veri e propri miracoli tra il primo ed il secondo tempo. Buona la prestazione anche dei giovani Dioussè e De Marco, marcatori a uomo degli interpreti di attacco del Napoli. Prestazieni opache da parte di Saponara, in conferma del periodo negativo che sta attraverso, e di Pucciarelli. L’attaccante, però, è riuscito in qualche occasione a far tremare la difesa azzurra tentando di saltare i due centrali azzurri.

LEGGI QUI LE PAGELLE

LEGGI QUI IL COMMENTO

TOP

  • Mertens. Al di là del gol è protagonista di un’ottima prestazione. Cerca di superarci tentando il gol di testa su suggerimenti alti dei suoi compagni.
  • Koulibaly. Torna il buon caro insuperabile difensore, conosciuto nella scorsa stagione. Smentisce l’affermazione “è sicuro solo con Albiol affianco”. Accanto a lui, oggi, c’era Chiriches.
  • Chiriches. Marcatore del raddoppio del Napoli, il centrale rumeno si rimette in riga dopo la brutta prestazione di mercoled√¨ scorso contro il Besiktas. Re Vlad sta tornando.
  • Allan. Combatte come una furia in una partita molto tosta, con un Empoli mai domito.
  • De Marco. Grandissima prestazione del difensore dell?Inter, che riesce a marcare abilmente Mertens e Insigne.
  • Skorupski. Miracoloso nonostante i due gol subiti. Il passivo poteva essere sicuramente molto più ampio, ma il giocatore ci mette le manone in diverse occasioni. Monumentale la parata su Jorginho.
  • Croce. Entra e mette in pericoloso il risultato. Salta Maggio con una facilità estrema degna di un giocatore di livello nettamente superiore.
  • Maccarone. Come sopra. Entra e sfiora il gol testando i riflessi di Reina.
  • Reina. Salva il risultato in tre occasioni sicure, la più importante su Maccarone

FLOP

  • Callejon. Al di sotto delle sue potenzialità. Non un vero e proprio flop, visto che lo spagnolo di dà parecchio da fare, ma cicca l’appuntamento col pallone.
  • Insigne. Cala vertiginosamente nel secondo tempo sbagliando passaggi molto semplici, ma molto pericolosi per far partire i contropiede dell’Empoli.
  • Diousse. Con la marcatura asfissiante del Napoli, il giocatore non riesce a esprimersi come sa fare.
  • Saponara. Prestazione opaca, è quasi evanescente in campo. Unica vera occasione è nel secondo tempo, quando viene fermato in netto fuorigioco sul tiro proveniente da dietro.

Cristina Mariano