Top 11 Campania: Ecco i Migliori Giocatori dalla Serie A alla D

A conclusione del 2019, noi del team di FantaMaster, abbiamo stilato l’undici ideale delle squadre campane che militano dalla Serie A alla Serie D. Non soltanto i top: molto spesso nell’arco del campionato a fare la differenza sono le sorprese. I classici giocatori che non ti aspetti, ma che alla fine puntualmente si mettono in mostra per giocate e prestazioni inattese. “Inattesi”, perch√© provenienti a volte da squadre di medio-bassa classifica. Diverse giornate alle spalle già disputate, tempo di primi momentanei bilanci. Benevento e Turris protagoniste della lotta al vertice in campionato, l’avvio difficile del Napoli, il super Savoia e la rivelazione Sorrento.

Ma chi sono stati i migliori giocatori campani da inizio stagione? Ecco la nostra Top 11: undici giocatori che sono da considerarsi delle certezze. Abbiamo puntato su un 3-3-1-3: un portiere che ci garantisce affidabilità. Difesa, centrocampo e attacco mix perfetto tra gioventù ed esperienza.

TOP 11 – Queste le nostre scelte

Portiere

Montipò, Benevento: l’estremo difensore dei Sanniti è stato a più riprese decisivo ai fini del risultato della squadra giallorossa. Ben dodici volte con la porta inviolata: la giusta soddisfazione per l’ex Novara che si sta confermando come uno dei prospetti più interessanti dell’intero panorama nazionale.

Difensori

Di Lorenzo, Napoli: The Normal One. Una scalata incredibile per chi è partito dalla Serie D, arrivando a giocare in Champions con la maglia azzurra. Punto fermo per il Napoli: terzino turbo diesel che ha saltato solo una gara. Raramente insufficiente, risultando quasi sempre tra i migliori, ha avuto il merito di segnare alla Juventus e di bloccare Sadio Manè‚Ķ non uno qualunque.

Caldirola, Benevento: miglior difensore della Serie B, leader della retroguardia giallorossa che ha subito solo nove reti, rivelandosi tra le meno battute d’Europa. L’ex Werder Brema è un punto fisso dello scacchiere di Inzaghi, sempre presente ad eccezione del match interno con il Crotone che ha saltato per squalifica. La giusta soddisfazione per il numero cinque sannita che si è riscattato alla grande dopo gli anni in Germania.

Cacace, Sorrento: costanza di rendimento, grande esperienza e qualità che si vede in giocatori decisamente più offensivi. Il classe ‚Äò87 è uno dei difensori che in questa stagione si è contraddistinto e lo ha dimostrato a suon di prestazioni e anche con tre splendidi gol.

Centrocampisti

Viola, Benevento: quattro gol, un assist e una serie di prestazioni da incorniciare che sono valse al centrocampista il titolo di calciatore del mese di dicembre della Serie B. Per il numero dieci giallorosso, si tratta di un importante riconoscimento per una prima parte di stagione perfetta condita da sei gol totali e tre assist.

Canotto, Juve Stabia: un calciatore che tutti gli allenatori vorrebbero avere. Non tira mai indietro la gamba, sempre nel vivo del gioco, coraggioso ma anche razionale. Non a caso in questa prima metà di stagione ha messo a segno 4 reti e regalato 3 assist vincenti.

Zito, Casertana: il re degli assist: dalle sue giocate e dai suoi piedi ne sono arrivati ben nove. Uno di quei calciatori che stanno facendo la differenza: qualità, tecnica e spirito di sacrificio, che gli permettono di risultare spesso decisivo anche quando non è al top della condizione.

Trequartista
Cerone, Savoia: uno dei fari del gioco di mister Parlato. Il trequartista di Roma si è subito calato nella sua nuova realtà. Otto reti, 5 assist e tanta qualità al servizio di una squadra che punta a crescere sempre di più.

Attaccanti
Alma, Turris: di parole nei confronti di questo attaccante ne abbiamo spese tante. I numeri parlano da soli: undici gol, capocannoniere del Girone G. È uno degli autentici trascinatori dei corallini in questa splendida stagione.

Milik, Napoli: non poteva mancare il bomber del Napoli con le sue sei reti in otto partite. Un rapace d’area di rigore che a referto ha messo anche un hat-trick in Champions League che gli ha consentito di portarsi a casa il pallone. Difficile scrivere qualcosa di non detto sull’attaccante azzurro.

Liurni, Nocerina: stagione d’oro per l’attaccante dei molossi. Segna a valanga, è punto focale della manovra della squadra e sembra proprio in stato di grazia. Parlano anche i numeri: nove gol in 17 giornate non sono un caso.