Superbike. E’ Sykes il nuovo campione del Mondo!

PALERMO (ITALPRESS) ‚Äì Tom Sykes si laurea campione del Mondo Superbike 2013 mentre l’Aprilia si assicura la classifica costruttori. Gran finale a Jerez de la Frontera per l’ultimo appuntamento del Mondiale: in gara 1 vince Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) davanti a Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet) ma a Sykes (Kawasaki Racing Team) basta la terza piazza per assicurarsi il titolo iridato. Il 28enne di Huddersfield ha cosi’ conquistato il suo primo titolo mondiale in carriera, dopo cinque anni nella categoria, conducendo una gara ragionata e tagliando il traguardo per terzo. Questo titolo e’ importantissimo per Kawasaki, che non vedeva un campione del mondo in sella ad una sua moto da ben venti anni (Scott Russell, 1993). Questa prima prova e’ stata vinta, con grande caparbieta’ ed un ultimo giro magistrale, da Laverty, protagonista di un sorpasso all’esterno, all’ultima curva, su Melandri. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) ha chiuso quarto, davanti alle altre due Aprilia del pilota di casa Toni Elias (Red Devils) e del romano Davide Giugliano (Althea Racing), che non sono riusciti a ripetere le rispettive prestazioni delle qualifiche. La top-10 di questa prima gara ad Jerez e’ stata completata da Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet), Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki), Xavi Fores (Team Ducati Alstare), sostituto di Carlos Checa, e Mark Aitchison (Team Pedercini Kawasaki), ancora una volta con una prestazione positiva.
Per quanto riguarda la classifica costruttori, dopo aver dominato per tutto il campionato, a partire dalla straordinaria gara di esordio a Phillip Island dove conquisto’ cinque posti dei sei disponibili sul podio, grazie alla vittoria di Eugene Laverty Aprilia si e’ laureata Campione. Con il titolo conquistato oggi, Aprilia tiene alti i colori italiani nel motorsport mondiale nella stagione 2013: la Casa di Noale giunge a quota 5 campionati mondiali vinti nella Superbike negli ultimi quattro anni, e porta il proprio straordinario palmares a quota 52 titoli mondiali conquistati in poco piu’ di vent’anni. Quando manca ancora la seconda gara di Jerez per chiudere il Mondiale 2013, Aprilia ha accumulato 9 vittorie (8 per Laverty, una per Guintoli) e altri 25 podi, totalizzando cosi’ 525 punti contro i 481 di Kawasaki, 432 di BMW, 234 di Honda, 233 di Suzuki, 176 di Ducati e 4 di Yamaha. E’ una perentoria affermazione di superiorita’ della 4 cilindri italiana Aprilia RSV4 la cui competitivita’ e’ confermata anche dai risultati dei team satellite, autori di 3 podi (2 per Giugliano, uno per Fabrizio) e di una pole position.
(ITALPRESS).