Spagna. Del Bosque sta con Prandelli: “De Rossi? Giusto non convocarlo”

Approvo quello che ha fatto Prandelli, il commissario tecnico azzurro ha dimostrato di avere un notevole spirito sportivo, chissa’ che non possa succedere anche qui da noi in Spagna. Il ct delle furie rosse, Vicente Del Bosque, condivide la decisione di Prandelli che non ha convocato Daniele De Rossi per il pugno rifilato a Icardi durante Roma-Inter. L’amichevole di domani tra i campioni del Mondo e d’Europa e gli azzurri e’ l’ennesima negli ultimi anni. Credo che non affronteremo la stessa Italia che abbiamo incontrato nella finale degli Europei del 2012 ‚Äì dice Del Bosque riferendosi al 4-0 -, quella era una Nazionale stanca e che aveva subito l’infortunio di Chiellini, giocheremo con la vera Italia quella con cui abbiamo pareggiato nella prima fase degli Europei e poi in Confederations Cup. Il ct della Spagna ha anche parlato della convocazione tra le furie rosse del brasiliano di Diego Costa. L’abbiamo accolto come uno dei nostri e si e’ integrato bene, speriamo che sia pronto al momento opportuno, ci sono ancora tre mesi prima dei Mondiali, ha concluso Del Bosque nella conferenza stampa alla vigilia dell’amichevole di domani, a Madrid, tra Spagna e Italia. Il risultato dell’amichevole di domani non influira’ sul Mondiale, speriamo che le due squadre siano all’altezza di quanto hanno fatto in passato, ha aggiunto Vicente Del Bosque parlando del test di domani, al Vicente Calderon di Madrid, contro gli azzurri. Il ct della Spagna non e’ preoccupato del poco tempo a disposizione per preparare il Mondiale e spiega: questi giorni sono importanti per la squadra e dobbiamo sfruttarli. Non c’e’ altra soluzione per il calendario internazionale, le date sono quelle. Prima del Mondiale avremo altre due partite e abbiamo un gruppo abbastanza stabile e poi il problema non e’ nostro, tutte le nazionali sono nella stessa situazione. Del Bosque ha anche parlato di Carles Puyol che, secondo la stampa spagnola, potrebbe annunciare il suo ritiro. Lui e’ un esempio per tutti, in campo e fuori, quando prendera’ una decisione ne parleremo, ha tagliato corto il ct dei campioni del Mondo e d’Europa che ha anche commentato la mancata convocazione dello juventino Fernando Llorente: e’ un giocatore che stimiamo molto e che seguiamo sempre, sta giocando molto bene con la Juve, ma qui c’e’ grande concorrenza e non posso chiamare tutti.
(ITALPRESS).