Sorrento. Il bilancio di Cioffi: “Girone di ferro, possiamo fare meglio”

Manca poco al giro di boa del girone H del campionato di Serie D. Il Sorrento ci arriva con la vittoria contro il Lavello e dopo la sosta natalizia dovrà vedersela contro l’Audace Cerignola di Michele Pazienza. Il tecnico Renato Cioffi ha parlato ha tracciato un primo bilancio, ai microfoni dei colleghi di Metropolis, sulla stagione dei costieri.

Renato Cioffi

Renato Cioffi

“Partendo dal presupposto che siamo in un girone di ferro -esordisce il tecnico dei costieri- che equivale ad una Serie C, siamo abbastanza soddisfatti di quanto stiamo facendo e abbiamo fatto. Con la società avevamo fissato l’obiettivo alla salvezza e quindi siamo pienamente in linea. Resta l’amaro in bocca per alcuni punti, quattro, persi in partite come quella contro il Casarano. Stavamo per raggiungere la vittoria e al 90’ è arrivata la beffa. Siamo soddisfatti, come ho detto, ma è chiaro, che puntiamo sempre a fare meglio”.

Le aspettative sul girone di ritorno: “Cercare di fare i punti necessari al raggiungere l’obiettivo stagionale, poi ovviamente ci proponiamo di fare sempre meglio e nulla toglie che possiamo migliorarci rispetto a quanto fatto finora -continua l’allenatore irpino- Abbiamo più mesi a disposizione e quindi potremmo raccogliere qualche punto in più, anche perché abbiamo arricchito la rosa con qualche innesto di qualità ed esperienza”.

Una battuta sul nuovo arrivato in casa rossonera: “Ripa è arrivato perché è andato via Pasquale Iadaresta, ma il budget a nostra disposizione è stato usato, quindi, se ci sarà l’occasione per qualche innesto giovane ed interessante ci faremo sotto, ma possiamo dire che la rosa è questa”.

Cioffi allenatore e manager: “Diciamo che la questione del manager è vera fino ad un certo punto -spiega l’ex Mantova- Non c’è una figura di direttore sportivo, ma abbiamo un consulente di mercato, qual è Angelo e un direttore generale Imparato con cui mi sono confrontato e abbiamo scelto insieme i movimenti del mercato. Loro due hanno sopperito bene e compensato alla figura del diesse”.

Infine, un pensiero sulle giovani leve: “I ragazzi stanno crescendo e si stanno mettendo in evidenza. Stanno facendo davvero bene non è un caso che alcuni sono stati convocati nella Rappresentativa D”.