Sorrento. Herrera in vista del Gravina: “Andremo li per vincere. Questa squadra può arrivare in alto”

Il Sorrento, una sconfitta e un pareggio in campionato, è tornato a lavoro per preparare l’impegno della terza giornata del girone H contro il Gravina. A parlare della prossima sfida che si disputerà nella trasferta dello stadio comunale “Stefano Vicino”, l’esterno d’attacco dei rossoneri, Eric Herrera, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai colleghi di “Metropolis”:

“Non abbiamo paura di niente e di nessuno. Portiamo rispetto, questo è poco ma sicuro, ma paura no. Ogni partita ha una sua storia, Andremo a Gravina per vincere, portare a casa i tre punti. Dobbiamo dare una svolta a questo campionato, che è iniziato un po’ a rilento. Noi cercheremo di fare quello che studiamo in settimana, cercheremo di fare la partita con il nostro stile di gioco. Il nostro obiettivo, come detto, è quello di dare una svolta al campionato. Per quanto fatto in Coppa, per le prestazioni, per la preparazione fatta in ritiro non rappresenta questo cammino che stiamo facendo al momento. Sono sicuro che faremo bene, usciremo e potremmo dire la nostra, ma dobbiamo comunque mantenere i piedi per terra. Sicuramente abbiamo iniziato bene la Coppa, non c’è dubbio. Siamo arrivati in forma, nel modo giusto. In campionato abbiamo pagato un po’ di errori tecnici nostri, un po’ di sfortuna. Abbiamo sempre cercato di fare la partita, come il tecnico ci insegna facendoci studiare gli avversari. C’è mancato qualcosa negli ultimi trenta metri, ma sono fiducioso perchè i miei compagni sono stati scelti uno per uno per fare bene, per vincere quante più partite possibili e cercare di raggiungere l’obiettivo. Ho voluto fortemente questa piazza. Lo scorso anno abbiamo fatto bene e volevo un po’ di continuità, anche perchè negli ultimi anni ho cambiato squadra ogni sei mesi, quindi volevo restare per avere stabilità. In più hanno pesato nella mia scelta la società, il direttore che mi ha voluto con insistenza, il mister. Per è stata la scelta migliore, perchè qui posso trovare quello che ora è importante per me: come ho detto, la continuità. Sicuramente questo Sorrento può arrivare in alto. Ho molta fiducia nei miei compagni, basta trovare la continuità di risultati e la cattiveria sotto porta che in questo avvio ci è mancato. Sono fiducioso per il futuro”.

Francesco Manetti

Condividi