“Soddisfatti o rimborsati”. Tutti i numeri della prima giornata di Eccellenza

In attesa della terza giornata di Coppa Italia Dilettanti di Eccellenza, le squadre riprendono le loro fatiche e la loro preparazione. Per chi, però. non è ancora sazio di calcio e già ne sente la nostalgia dopo tanti mesi di astinenza, la nostra redazione ha ideato una nuova rubrica. “Soddisfatti o rimborsati”, dove si rivivranno i momenti salienti della giornata di Eccellenza appena trascorsa.

SODDISFATTI

1 il gol segnato da Ambrogio Sorriso. Se il primo, quello in Coppa Italia, serve solo per le statistiche personali, non si può dire lo stesso del secondo, quello di domenica che pesa tre punti in classifica. Una marcatura di rara bellezza, con l’ala che corona la sua prestazione magistrale con il primo gol di campionato. Tiro dai 35′ metri verso la porta avversaria e una parabola alta e imparabile che si insacca regalando la vittoria ai caudini.

3 il numero di gol segnati da Francesco Cataruozzolo. Il primo e unico giocatore nella giornata a mettere a segno una tripletta, la prima della nuova stagione calcistica, due di questi sono su calcio di rigore.

4 le doppiette messe a segno nel campionato. In quattro partite sono andate a segno delle doppiette. Insomma una buona presentazione del campionato di Eccellenza nella nuova stagione calcistica.

8 i gol messi a segno in Eclanese-Alfaterna. Una sfida che regala grandi soddisfazioni e soprattutto grandi emozioni. Una successione temporale di gol che lascia l’incertezza fino al triplice fischio. Ad aumentare l’effetto cardiopalma la quantità di gol siglati nella ripresa, ma soprattutto il ribaltamento di fronte. Alla fine del primo tempo è l’Alfaterna a condurre, ma al termine dei 90′ regolamentari, i tre punti sono dell’Eclanese con un 5-3 non certamente pronosticato.

9 squadre hanno siglato più di tre gol. Come già accennato poco sopra, è stata una giornata ricca di gol, ma anche di grandi emozioni. L’unica pecca è che le emozioni si sono suddivise in poche squadre, quanto meno quelle legate al calcio spettacolo e alle tante reti. Sono 9 le squadre che sono riuscite a siglare dalle tre reti in su.

12 il numero di maglia dell’uomo decisivo di Virtus Volla-Afragolese. Capasso è il nome del calciatore più decisivo del match. Non è colui che ha segnato, ma è colui che ha salvato il risultato nel primo tempo su due clamorose azioni gol della squadra di Panico. Un 2002 che sa il fatto suo tra i pali.

19 gli anni di Iannuzzi, il calciatore che ha indirizzato il match dell’Afro Napoli. La prima vittoria per l’Afro-Napoli arriva a Mugnano, dove il Marcianise ha provato a trovare il colpaccio, per poi venir rimontato. Il classe 2000 sigla un gran gol da colpo di testa, ma è protagonista di un’ottima partita.

RIMBORSATI

0 i gol segnati in Casoria-Barano. Un tempo a testa, con il Casoria che viene fuori un po’ meglio e un po’ di più rispetto alla squadra di isolana. Una partita che regala pressing sotto porta, ma non particolari emozioni o palle gol.

1 il numero della maglia di Capece. Il portiere della Virtus Volla mette in seria difficoltà la sua squadra. Ricevuta palla dal suo terzino ha preferito provare un dribbling su Cafaro piuttosto che andare a disimpegnare spazzando via il pallone. Ne approfitta Sperandeo che insacca a porta vuota.

3 i rigori concessi dalla difesa dell’Alfaterna. Sembra surreale, ma il tabellino e il referto non mentono. Tre rigori concessi all’Eclanese da parte della difesa dell’Alfaterna, due su azione e una scivolata di Benevento che ha atterrato l’avversario.

4 è il numero di maglia di Lauri. Il calciatore del Buccino Volcei sbaglia il tempo e il tocco che mette Siciliano in condizione di andare in gol e sbloccare il match. Bene la velocità dell’attaccante, un po’ meno la difesa del pallone da parte del rossonero.

11 il numero di maglia del calciatore che ha sbagliato il primo rigore di stagione. Si tratta di Grillo dell’Eclanese, che ha l’occasione di portare i suoi sul vantaggio già nel primo tempo, ma dal dischetto sbaglia clamorosamente mandando il pallone in gradinata.

18 sono gli anni di Amoroso. Il portiere dell’Audax Cervinara, classe 2002, mette in evidenza la sua indecisione in alcuni passaggi del match. In particolare un paio di occasioni nel primo tempo, in cui solo l’imprecisione della Polisportiva Lioni non ha consentito il gol. L’estremo difensore è apparso insicuro in due uscite che potevano costare caro.

48 è il minuto del clamoroso errore dell’arbitro di Albanova-Puteolana. Il direttore di gara Ranieri di Como comincia malissimo la sua stagione. Un fischio in favore della formazione di Andrea Ciaramella per un tocco di braccio, involontario e soprattutto che segue il tocco su un’altra parte del corpo. Troppo severità o errore? Forse entrambi, perchè nel nuovo regolamento un qualsiasi tocco di mano viene punito, ma un rimbalzo sul braccio non può essere considerato un fallo.

67 il minuto in cui Malafronte viene espulso. In verità il doppio cartellino costa caro solo all’attaccante che per proteste si becca il secondo giallo. Il Castel San Giorgio, invece, governa bene la sua partita riuscendo a impattare il risultato con l’inferiorità numerica.

79 il minuto galeotto per la Battipagliese. Palla di Barberisi verso la porta e un tocco di mano ingenuo e calcio di rigore trasformato da Natiello. Questo consente al Castel San Giorgio di riagguantare la partita e portare un punticino a casa.