Siano Calcio. La società chiarisce dopo le decisioni del GST: “False dichiarazioni, ci difenderemo”

Alle luce della sentenza del comunicato ufficiale n¬∞ 78 del 17 Gennaio 2019, come Società ci corre l’obbligo di fare chiarezza su quanto accaduto durante la gara di calcio disputata sabato 12 /01 contro il CAVA UNITED.

Al minuto 35′ del secondo tempo è sul risultato di 0-1 , il direttore di gara ha ritenuto sospendere la gara , per aver subito minacce verbali. Con sommo stupore ieri 17/01/2019 dal comunicato ufficiale si rileva , che nel referto post gara, il sig. arbitro scriveva ‚Ķ.che un calciatore non identificato, appartenente alla Società Siano Calcio, colpiva con un calcio il ddg‚Ķ‚Ķ‚Ķ.

Premesso che tutto ciò non risulta al vero, ci sono i filmati che lo dimostrano, l’arbitro rientrava negli spogliatoi e alla presenza della forza pubblica dichiarava di non aver subito nessuna violenza e che solo per una questione ambientale dichiarava chiusa la gara.

Non vogliamo assolutamente discutere degli eventuali errori arbitrali, non e’ nostro costume ed abitudine, ma abbiamo l’obbligo di dover difendere l’immagine della Società , dei nostri calciatori e della città che rappresentiamo, da accuse, illazioni e false dichiarazioni. Ribadiamo fortemente che il Signor arbitro non e’ stato minimamente oggetto di alcuna aggressione fisica , ma solo di una reazione verbale da parte di un nostro calciatore che si vedeva ingiustamente espulso.

La Società provvederà ad assumere i giusti provvedimenti ed in base alle disposizioni del Giudice Sportivo, comunichiamo che nelle prossime ore provvederemo ad inoltrare preavviso di reclamo cosi’ come previsto dalle disposizioni federali.

Attenderemo il verdetto e se sarà necessario difenderemo la nostra posizione, quella dei nostri tesserati e il nome della nostra città, anche in altre sedi.

ASD SIANO CALCIO 2017

Condividi