Sessana-S.Guardia 1-0. Bosco manda i gialloblu in paradiso: è promozione in Eccellenza

Sono le 18,23 del 18 maggio 2014: E’ ECCELLENZA. Questo orario e questo giorno passeranno alla storia, chi viveva di racconti ora potrà dire di aver visto, vissuto e fatto la storia. Sessana 1 ‚Äì Sporting Guardia 0, l’articolo potrebbe già terminare, il resto sono solo festeggiamenti intensi di un popolo CIVILE che si rispecchia totalmente nel calcio e nella sua squadra, vanto di orgoglio di tutta la popolazione aurunca, rimpianto ed invidia per gli extra-gialloblù. L’eroe del giorno, quello da copertina su tutti i giornali è Mauro Bosco, zampata vincente dopo una partita che ha rischiato di far saltare qualche coronaria di troppo, ma gli eroi oggi rivestivano tutti di gialloblù, spinti dalle urla di chi durante la stagione ha macinato chilometri e superato ostacoli assenti per una decisione assurda del Giudice Sportivo che ha vietato loro una vera e propria festa. Gli eroi di gialloblù nelle grandi occasioni non sbagliano mai, i dati alla mano parlano chiaro, il play-off è sinonimo di vittoria aurunca. Tra dicembre e gennaio molti soloni del calcio davano i gialloblù per spacciati, la promozione diretta era distante otto punti, insormontabili per una squadra che per sei partite non riesce a vincere. I cari soloni e sapientoni dovranno ricredersi su una squadra che nel girone di ritorno ha perso una sola partita, ha battuto le altre due contendenti al titolo, ha saputo divertire e far sognare la torcida gialloblù ed oggi festeggia giustamente una promozione meritata sul campo. La partita dell’anno, uno spareggio vietato ai tifosi, tante componenti strane accompagnavano questo match, il dodicesimo uomo assente poteva essere un peso per chi ha sempre volato sulla spinta dei propri tifosi, ma la cattiveria, la grinta e lo spirito d’abnegazione hanno rivitalizzato tutto l’11 gialloblù; uno schermo divideva tifosi e squadra, ma si viaggiava all’unisono con la stessa determinazione e voglia di vincere. Il condottiero gialloblù è Sessano DOC, prima in campo alcuni anni fa, ora in panchina, Mister Mennillo ha saputo plasmare la squadra a sua immagine e somiglianza, tanta qualità, ma spirito da gladiatore, una grande parte della Promozione va a lui. La società ha costruito una grande macchina, lavorando per far in modo che tutto funzionasse alla grande, la benzina l’hanno messa i calciatori e i collaboratori, mancava solo superare l’ultimo chilometro per la destinazione finale, bisognava andare a trovare Sua Eccellenza. Basta l’ultima accelerazione di Bosco, calciatore silenzioso fuori dal campo, ma che in campo non dà adito agli altri di poter rifiatare, al 78′ per regalare il sogno un tap-in di sinistro e va ad aggiungersi a Vincenzo Prassino e Mario Quintigliano, gli uomini dell’1-0 delle partite che contano. Gli avversari dello Sporting Guardia escono dal Comunale di Mondragone sconfitti ed affranti, ma soprattutto applauditi, il calcio dev’essere soprattutto questo e non minacce e comportamenti da camorristi. E’ il derby del Vescovo di Sessa Aurunca Sua Eccellenza (oramai è destino) Orazio Francesco Piazza, sannita Doc e da ottobre nuovo pastore della comunità aurunca. Entrambe le squadre possono contare sull’intera rosa, solo Prassino e Caterino sono out, i sanniti di Mister Fasano hanno eliminato dopo i supplementari il Montesarchio, sugli scudi il portiere Cerreto che ha salvato in più occasioni la propria porta. La Sessana ha dominato ed eliminato l’Ortese grazie alla rete di Palumbo, ci sono tutti i presupposti per un grande match, ma le finali si sa sono partite giocate molto più di testa che di gamba. Solito e confermatissimo 4-3-3 per Mister Mennillo, Iaccarino, Di Lorenzo, Franco L, Zamparelli, Franco E, Bosco, Fava, Lepore, Marraffino, Brancaccio, Palumbo, è una dolce cantilena che chi segue i gialloblù ha imparato e memorizzato come The best song of my life. I sanniti, con un solo risultato, la vittoria, provano ad turbare i gialloblù con lo stesso schieramento tattico, Mister Fasano manda Biele, Gammella, Coletta e Mustone a difendere la porta di Cerreto, medianaccio di tanta corsa Izzo che s’affianca alla classe cristallina di De Rosa e Iaderosa con Geloso e Simone esterni e Fiorillo punto di riferimento centrale. Arbitra il promettente Rossetti della CAN di Ancona, assistito da Battista e Montagnani, direzione arbitrale quasi perfetta, solo un episodio da rivedere. La posta in palio è davvero alta e le due squadre nei primi minuti preferiscono non offendere, studiando l’avversario, cercando di trovare il punto più debole per colpire. La trama dei gialloblù è nel provare a verticalizzare su Palumbo, provano a sfruttare i veloci esterni i sanniti sfruttando anche la classe del funambolo Iaderosa che svaria su tutta la trequarti, ma latitano occasioni pericolose. Tra il quindicesimo e il ventesimo un’occasione per parte, entrambe le conclusioni, di Brancaccio per i gialloblù, De Rosa per i guardiesi, sono velleitarie e vengono bloccate dai due portieri. Al 32′ i primi sintomi di un probabile coccolone vengono fermati dalla pessima conclusione di Iaderosa che riceve palla appena entrato in area, ma calcia alle stelle mandando alle ortiche una buona occasione per i suoi. La Sessana si risveglia e cerca di approfittare dell’ottimo terzo tempo di Gianmario Palumbo, il suo colpo di testa su invito di Fava è bloccato da Cerreto. L’illusione del goal del vantaggio casalingo arriva al 42′ angolo lungo di Brancaccio, Palumbo va sul secondo palo ed impatta alla perfezione, la sfera sibila di pochi centimetri di fianco al palo, urlo strozzato in gola, sguardo ringraziatorio al cielo per gli ospiti che vedono il match chiudersi in un pareggio ad occhiali dopo i primi quarantacinque minuti. Manca quel tocco di pazzia ai gialloblù, manca la spinta dei propri tifosi, lo Sporting Guardia prova subito a portarsi in vantaggio sfruttando l’ottimo stacco del difensore Gammella, ma Iaccarino con un colpo di reni manda la palla in angolo. I calci da fermo costituiscono l’arma più pericolosa di giornata, al 63′ grandissimo schema su corner degli ospiti, movimento ad uscire di Simone che imbeccato da Iaderosa serve De Rosa, conclusione quasi perfetta a finire sul palo lungo della porta difesa da Iaccarino, il pallone termina veramente di poco fuori, segni della croce, ringraziamenti a divinità calcistiche e sospironi di sollievo tra i tifosi gialloblù che avevano pensato al peggio. E’ troppa la posta in palio per vederla sfuggire cos√¨, in questa maniera, un anno di sacrifici potrebbe essere buttato al vento per uno schema, scossi dall’occasione sannita, i gialloblù si risvegliano guadagnando metri in campo e anche punizioni da posizioni pericolose. Il primo che prova a siglare il goal storico è Brancaccio al 73′ su punizione, sinistro a giro dalla trequarti di destra, il suo mancino è quasi perfetto, ma la palla sbatte sul traversa e finisce in campo, Sessana sfortunata in quest’occasione. Guadagnano metri in campo i gialloblù che riescono ad usufruire anche di punizioni e corner. Ancora sinistro a giro di Brancaccio, la traiettoria perfetta arriva a Marraffino che di prima intenzione prova a battere Cerreto, salvano in qualche modo quasi sulla linea i difensori ospiti, ma il pallone arriva a Bosco che riesce a stoppare e buttare nel più classico dei tap-in il pallone in rete. Esplodono di gioia i tifosi gialloblù davanti ai maxischermi allestiti per l’occasione, il silenzioso Bosco corre sotto la tribuna come un forsennato inseguito e poi abbracciato dai compagni. Goal storico, sognato e sudato, il pallone sembrava entrare lentamente in porta, l’urlo liberatorio dei tifosi gialloblù di tutto il mondo esplode all’unisono, da Dublino a Londra, passano per Terracina, Livorno, Milano, a piccoli dosi il globo è gialloblù. Un goal pesante del taciturno Bosco, poche parole, tanti fatti, grinta e tecnica racchiusi in un sinistro sopraffino, è la rete della Promozione, mancano dodici minuti al triplice fischio, ma non sembra ancor finita. Gli ultimi minuti, soprattutto se in vantaggio, non sembrano passare mai, Mister Fasano le prova tutte ed inserisce Saviano e Mario De Rosa, spostando anche Mustone in attacco alla ricerca di un insperato pareggio. Dodici i minuti, dodici le fatiche d’Ercole, simbolo di questa città e di questa squadra, dodici vittorie in casa durante il campionato, nei dodici minuti tanti tifosi travolti dall’ansia hanno ricordato le battaglie di stagione, ma ora si sta vincendo la guerra, ora si sta riscrivendo la storia. In un minuto tutti i gialloblù riescono a toccare il pallone. Rilancio lungo di Iaccarino, sponda di Palumbo per Marraffino, intervento avversario, poi Brancaccio e Fava lottano sul pallone, chiusura dall’altro lato di Bosco con Emmanuele Franco che la gioco all’indietro per Gigino che serve Zamparelli, allargo sul terzino Di Lorenzo, azione corale ed unita, solo uniti si può vincere. Nei cinque lunghissimi minuti di recupero lo Sporting Guardia si riversa in avanti, ma i mischioni vengono ributtati via anche dal neo-entrato Esposito, Sessano DOC superstite e alla terza Promozione insieme a Caterino e Prassino, l’arbitro guarda il cronometro e dice che basta cos√¨, sono le 18.23 la Sessana è in Eccellenza. La festa dei giocatori in campo e negli spogliatoi, i gavettoni, le interviste, i festeggiamenti sono solo rimandati a Piazza Mercato, un tripudio di bandiere e tifosi accoglie i calciatori gialloblù che fanno il giro della città e la consueta foto vicino la Fontana dell’Ercole, simbolo di una comunità che lotta e che conquista traguardi inaspettati. E’ una festa continua, la bellezza e l’emozione delle immagini, dei volti dei protagonisti, dei collaboratori tutti, della società, soprattutto dei tifosi che hanno voluto fortemente questo traguardo, che si sono riveduti nei calciatori oramai Sessani d’adozione. Sarò stato molto prolisso in questo articolo, ma per questa maglia, per questi colori riuscirei a scrivere per ore ed ore, spero solo d’aver raccontato con umiltà ed onore un cammino dolce e straordinario, le emozioni date dai colori gialloblu sono incommensurabili, in futuro anche noi giovani avremo qualcosa da raccontare. Racconteremo di come siamo riusciti a riscrivere un pezzo di storia, di come abbiamo fatto ammalare tanti calciatori di questa piazza, di come dopo il 18/05/14 si va ad aggiungere all’08/05/11 e al 25/06/12, cambiano i protagonisti, ma le emozioni rimangono sempre immense, anzi ECCELSE.

P.S. La risalita incominciò l’8 maggio 2011, il triplice fischio ci fu alle 18,23, strano il caso eh?

 

SESSANA: Iaccarino, Di Lorenzo, Franco L, Zamparelli, Franco E, Bosco, Fava, Lepore, Marraffino, Brancaccio(89’Esposito), Palumbo. All. Mennillo. A disp. Di Donato, Ruberto, Follera, D’Amaro, Pergamo, Di Raffaele.

SP.GUARDIA: Cerreto(85’Grillo),Biele(85’De Rosa M), Gammella, Coletta, Izzo, Mustone, Geloso, Iaderosa, Simone(82’Saviano), De Rosa V, Fiorillo. All. Fasano. A disp. Borrelli, Garofano, D’Addona, Errico.

ARBITRO: Rossetti di Ancona

ASSISTENTI: Battista di Torre del Greco – Montagnani di Salerno

MARCATORE: 78’Bosco(SES)

AMMONITI: Brancaccio(SES); Coletta, Mustone(SGD)

RECUPERO: 2′ PT; 5′ ST

 

clicca qui per seguirci su Facebook
clicca qui per la fotogallery
clicca qui per seguirci su Twitter