Serie C/C: La Gelbison cade a Potenza, 1-3

Importante match quello che andava in scena questo pomeriggio all’ Alfredo Viviani tra Potenza e Gelbison. La truppa di De Sanzo, senza vittoria da novembre, ma con buone indicazioni tratte dal pareggio contro l’Avellino, era a caccia di punti fondamentali contro la squadra del capoluogo lucano che in casa in questa stagione aveva perso solo contro il Pescara. Entrambe le formazioni si presentavano a questa sfida di poco sopra la zona playout, quindi il margine di errore risultava ridotto, in particolare per i rossoblu cilentani che, con questa partita, inaugureranno una cospicua serie di scontri diretti. All’ andata terminò 1-1 a Pagani con la formazione di Raffaele che riuscì a pareggiare nei minuti finali. La sfida era arbitrata da Frascaro di Firenze.

Nella Gelbison, complice anche l’assenza di D’Agostino, il nuovo acquisto Anatrella tra i pali partiva subito titolare.  Confermatissima la linea a tre Cargnelutti, Gilli, Loreto. A centrocampo Nunziante e Graziani sugli esterni, Uliano, Fornito e Papa interni, esordio dal primo minuto per Infantino in coppia con De Sena. Canonico 3-4-3 per i lucani: davanti a Gasperini, Matino è il leader difensivo. In mezzo spazio all’estro di Laribi, tridente pesante con Del Sole, Caturano e Di Grazia.

La cronaca del match: piglio aggressivo in avvio della Gelbison, ma al 16′ è il Potenza a sbloccarla con Caturano.  L’ esperto attaccante napoletano  è lesto a sfruttare un bel lancio dalla difesa, torre di Di Grazia e drop al volo che termina sotto la traversa, nulla da fare per Anatrella. Il centravanti di Raffaele trova il primo gol del 2023: l’ultimo era stato contro la Fidelis Andria sempre su assist del numero 11. Ed è proprio Di Grazia al 20′ a sfiorare il raddoppio con un colpo di testa che stavolta trova pronto l’ex portiere della Cavese.  Reazione della Gelbison al minuto 22′. Notevole la punizione di Fornito, ma palla che colpisce appena l’incrocio dei pali con il solito sinistro pericolosissimo. E’ sempre tra i più attivi però Di Grazia, che, al 25′, apre bene per Del Sole, Anatrella, con i pugni, dice di no.  E’ innegabilmente un momento di difficoltà per i rossoblu cilentani che al 29′ subiscono il raddoppio. Hadziosmanovic per Del Sole, palla pennellata per Girasole che di testa non lascia scampo ad Anatrella. Terzo gol stagionale per il difensore con il vizietto del gol, dopo quelli realizzati a Viterbese e Latina.  37′: squillo personale di De Sena, Gasparini respinge, anche se in maniera poco ortodossa. 43′: prova a rimanere sul pezzo la Gelbison con Graziani, assistito bene da Uliano, la sua conclusione però non spaventa Gasparini. Nel finale della prima frazione però è il Potenza a sfiorare il tris con una punizione a giro di Di Grazia con il destro, palo pieno ad Anatrella battuto, e con Matino. sul quale il nuovo acquisto cilentano riesce a salvare in maniera prodigiosa. Sul punteggio di 2-0 termina dunque un primo tempo dove i padroni di casa hanno sostanzialmente legittimato il doppio vantaggio. Gelbison che pare aver subito il contraccolpo psicologico dopo il primo gol e che si è vista a sprazzi, perdendo la determinazione vista nei minuti iniziali.

La ripresa: Gelbison che parte determinata, nel tentativo di accorciare le distanze. Al 53′ si fa vedere ancora Infantino, mancino dal limite dell’ area che termina alto, non di molto, rispetto alla porta di Gasparini.  I vallesi finalmente pervengono al gol che li rimette in gara 3′ più tardi. De Sena, la punta più in forma di De Sanzo, sfrutta bene il traversone di Nunziante e di testa, anticipando Girasole, tocca quel tanto che basta per mettere fuori causa il portiere lucano. Raffaele, fiutando il pericolo, passa quindi al 3-5-2 inserendo Talia per Del Sole.  Gelbison che è viva, anche al 63′ e sempre con una incornata di De Sena, nata dagli sviluppi di un corner corto battuto da Fornito per Nunziante. Questa volta però l’ex Paganese è meno fortunato, la palla infatti finisce alta. E’ tutta un’ altra musica nella ripresa. Al 72′ si mordono le mani i giocatori rossoblu cilentani. Splendida sgroppata di Nunziante, ma Loreto in estirada non arriva al tap-in che sarebbe valso il 2-2 per un nonnulla.  Il pareggio sembra nell’ aria, ma invece al 77′ arriva la mazzata. Il Potenza infatti cala il tris, ancora Caturano in gol.  Un contropiede letale quello dei lucani, nato, ancora una volta, dall’assist di Di Grazia, con la punta di Raffaele che di interno piede appoggia la palla in rete, sfruttando una deviazione del subentrato Granata.   Notte fonda per la truppa di De Sanzo che all’ 89′ rischia di subire il quarto gol, ma la punizione dello scatenato Caturano col mancino è centrale, nessun problema stavolta per Anatrella. Non accade più nulla nei minuti di recupero. Match che termina 3-1 per il Potenza. Lucani che salgono al decimo posto, mentre la Gelbison, per la prima volta in stagione, entra nella zona playout. Sabato prossimo al Guariglia di Agropoli, un match delicato. In Cilento arriverà infatti la Virtus Francavilla.

 

Potenza (3-4-3): Gasparini; Matino (79′ Armini), Girasole, Rocchi; Hadziosmanovic, Del Pinto (70′ Riccardi), Laaribi, Verrengia (69′ Volpe); Del Sole (61′ Talia), Caturano, Di Grazia (78′ Schimmenti). A disp. Alastra, Celesia, Gyamfi, Armini, Riccardi, Polito, Logoluso, Steffè, Talia, Schimmenti, Volpe. All. Raffaele

Gelbison (3-5-2): Anatrella; Cargnelutti, Gilli, Loreto; Nunziante, Papa, Uliano (84′ Francofonte), Fornito (83′ Correnti), Graziani (52′ Granata); Infantino (69′ Faella), De Sena. A disp. Vitale, Onda, Savini, Granata, Marong, Sane, Correnti, Citarella, Faella, Francofonte. All. De Sanzo

Ammoniti: Cargnelutti (G), Gilli (G), Del Pinto (P), Papa (G), Gasparini (P), Riccardi (P), Granata (G)

Marcatori: 16′  e 77 ‘ Caturano (P), 29′ Girasole (P), 56’ De Sena (G)

Arbitro: Frascaro di Firenze (Pressato-Tempestilli) – Quarto uomo Sciolti