Scafatese. Canarini VS Negri, Cesarano: “Ecco la situazione tesseramenti”

In merito alle nuove precisazioni portate avanti dal Presidente Negri sulla questione Articolo 95 del NOIF, la Scafatese Calcio preferisce prendere la palla al balzo con l’obiettivo di fare un po’ di chiarezza:

– Considerando il vecchio testo dell’Art.95: “Nella stessa stagione sportiva un calciatore/calciatrice può tesserarsi, sia a titolo definitivo che a titolo temporaneo, per un massimo di tre diverse società ma potrà giocare in gare ufficiali solo per due delle suddette società”;

– Leggendo il nuovo testo che modifica l’Art.95: ” Nella stessa stagione sportiva un calciatore professionista può tesserarsi, sia a titolo definitivo che a titolo temporaneo, per un massimo di tre diverse società, ma potrà giocare in gare ufficiali solo per due delle suddette società. Il calciatore giovane dilettante o non professionista che si tessera per società professionistica ed il calciatore giovane di serie sono soggetti alla medesima disposizione”.

– La Società canarina non si è fatta trovare impreparata sulla vicenda, anzi, probabilmente è stata la prima in Italia, tra Serie D ed Eccellenza, a far sorgere l’interrogativo;

– Dopo aver studiato tutti gli atti la società non è rimasta a guardare, anzi ha provato subito a contattare gli organi competenti, ovvero sia l’Ufficio Tesseramenti di Roma, sia il Comitato Regionale Campania;

– In primo luogo la Scafatese Calcio ha ricevuto il parere positivo dell’Ufficio Tesseramenti di Roma;

– In un secondo momento, inoltre, a conferma di quanto era stato detto, la Scafatese ha ricevuto anche il via libera da parte del Presidente del Comitato Regionale Campania Zingarelli, il quale ha più volte tranquillizzato sui tesseramenti in via telefonica.

– La società ci tiene a precisare che questa vicenda non riguarda solamente la Scafatese, ma una fetta molto ampia delle squadre di Serie D ed Eccellenza che si trovano nella stessa situazione, alcune anche dello stesso girone della squadra giallobleu, ma che hanno quasi tutte ricevuto gli stessi pareri da parte degli organi competenti.

Con tale comunicato la Scafatese Calcio 1922 non solo rende noto l’iter seguito prima di procedere con i tesseramenti ma chiede anche che venga fatta, una volta per tutte, la giusta chiarezza sulla vicenda a tutti coloro che, analogamente al Presidente del Sant’Agnello, vivono ancora tanta confusione sulla vicenda in oggetto, sperando che chi di dovere possa finalmente esporsi per vie ufficiali e mettere la parola fine a tutta questa storia.