Savoia, Corsa a due per la panchina: ecco i profili per i bianchi

Attesa lunga e snervante, quella che vivono i tifosi a Torre Annunziata, per conoscere le sorti dello stadio Giraud e quindi del Savoia. La società attende il Comune e il Comune attende un privato che effettui gli interventi che servono per tentare di avere una deroga dalla federazione e provare il salto in serie C.

La famiglia Mazzamauro, però, deve dar conto anche all’aspetto tecnico. Nell’organigramma mancano i sostituti di Marco Mignano, direttore sportivo, e di Carmine Parlato, allenatore. Per il primo ruolo sembra mai scontato l’arrivo di Carlo Musa, ex Avellino anticipato dalla nostra redazione lo scorso giugno, mentre ci sono ancora dubbi su chi affidare la panchina dei bianchi. Negli ultimi giorni sono rimbalzati i nomi di Borrelli prima (subito smentito dalla società, ndr) e Feola poi (più che altro caldeggiato dai tifosi, ndr). In realtà, secondo quanto raccolto dai colleghi di Metropolis, gli oplontini sono davanti ad una scelta ben precisa che non riguarda i suddetti allenatori. Due uomini in corsa per la panchina del Savoia, il primo è Nicola Romaniello che, seppure giovane, conosce la serie C avendo maturato esperienza con Aversa Normanna e Casertana, attualmente alla Primavera del Benevento. Lo stesso allenatore ha confermato l’interesse: “C’è stata qualche chiamata con il Savoia, anche se ancora nulla di approfondito”. Il secondo nome è quello di Salvatore Aronica, ex calciatore di Napoli e Reggina che smesso gli scarpini ha iniziato la carriera di allenatore nelle giovanili del Trapani. Aronica era entrato nel mirino anche di Troina e Messina, ma le piste si sono man mano raffreddate.

Insomma, è corsa a due per la panchina e questi nomi sono quelli che partono in pole position per gestire la rosa del Savoia che verrà, nella prossima stagione. Due figure mai accostate, fino ad ora, all’ambiente oplontina, anche se qualcuno dirà che lo sapeva già.

Condividi