Santa Cecilia. Dal campionato al mercato, Domini fa chiarezza: “Squadra scarica”

Il Santa Cecilia esce dal campo di Buccino con una sconfitta e una prestazione per niente confortante. Nonostante i pochi, ma incisivi, tentativo i gialloblu tornano a casa con un 2 a 0 che fa felici solo il Volcei.

Un periodo molto particolare per gli eburini di Santa Cecilia, reduci da alcune questini interne che hanno portato allo svincolo dei giocatori di più esperienza come Polverino, Guarnaccio, ma anche il colpo dell’estate Teodoro Curcio. Dopo i recenti risultati la squadra di Mario Balzano è al nono posto in classifica a quota 14 punti. Un posizionamento che fa quasi tremare perchè molto vicino alla zona play-out.

Per fare chiarezza sulla situazione interna e sul mercato dei gialloblu, la nostra redazione ha contattato in esclusiva il Presidente Donato Domini. Una partita poco bella della squadra ospite, ecco cosa non ha funzionato: “Oggi la squadra era un po’ scarica mentalmente, cosa che può capitare dopo quattro ottime prestazioni e dopo le ultime vicende accadute, ma sono sempre più convinto che questa squadra merita posizioni superiori. Chiedo a tutti di stringere i denti e dare una prova di forte carattere”. Specie nelle ultime uscite a punire il Santa Cecilia sono stati gli errori individuali della retroguardia, cosa che ieri non si è ripetuta, ma in molti hanno puntato il dito contro un arbitraggio poco limpido e poco giusto: “Gli errori li abbiamo fatti più avanti, poi la difesa ne ha pagato le pene, noi diciamo sempre che i primi difensori sono gli attaccanti, ma la verità è che dobbiamo fare esperienza in questa categoria, perch√© non sfruttiamo in pieno la mole di gioco prodotto e spesso capita che gli avversari, al contrario, capitalizzano al massimo i nostri errori. Non sono d’accordo, prendersela con i direttori di gara potrebbe essere comodo, ma da sempre è una caratteristica che non ci appartiene e mai cercheremo questo tipo di alibi, anzi, al contrario, siamo certi, che, se si vuole intensamente la vittoria, l’ostacolo non può essere certamente una giornata no del direttore di gara ed invito tutti i nostri tesserati a pensarla cos√¨”. Passando al mercato, contro il Buccino ha esordito il primo acquisto del Santa Cecilia, il portiere ex Real Palomonte Bracciante: “Parlando di mercato, faccio sapere subito che il nostro mercato in uscita è chiuso e in tal senso non firmerò più liste di trasferimento, ci lusinga molto che alcuni nostri tesserati siano fortemente corteggiati, ma le porte resteranno aperte solo in entrata. Oggi ha fatto l’esordio tra i pali Bracciante, nonostante la sconfitta, non siamo certamente noi a scoprirlo, dà sicurezza ai compagni, bravo coi piedi e molto agile tra i pali. Arriveranno un grande attaccante che affiancherà Barone, un difensore e un altro portiere”. Come ha sottolineato il Presidente il tallone d’Achille della squadra al momento è il peso specifico dell’attacco. Al momento il reparto avanzato è affidato a Barone, sostenuto dai suoi compagni più arretrati, ma ci sono anche gli altri reparti da rinforzare: “In rosa abbiamo un solo attaccante, per noi è una necessità, ma la nostra operazione deve essere oculata. Dal Vigor Castellabate si è liberato un grande attaccante, ci proveremo. Per esigenze numeriche, un difensore centrale e un portiere. Siamo vigili ed attendiamo l’evoluzione del calciomercato”. Una battuta finale sul clamoroso ed inaspettato addio di Teodoro Curcio: “Rinunciare alle sue prestazioni è stato molto doloroso, è un grande calciatore che tutti vorrebbero avere in squadra. Gli auguro il meglio, è stato un onore averlo in squadra, ma è durato poco”.

Cristina Mariano