Salernitana. Il giorno di Sabatini: “Qui per salvarci, arriveranno 5-6 rinforzi”

Conferenza stampa di presentazione di Walter Sabatini, nuovo direttore sportivo della Salernitana. Grande assente, ma per motivi lavorati, il presidente Danilo Iervolino, che in collegamento ha aperto la presentazione.

Danilo Iervolino presidente Salernitana

Danilo Iervolino presidente Salernitana

“Per impegni personali non posso stare li, ma ci tengo a presentare il ds Sabatini”. – afferma il presidente che prosegue – “Una persona che mi ha conquistato con la sua competenza, carica e carisma. Avrà pieni poteri, la sua carriera parla per lui, è i primo campione che arriva a Salerno. Confido in lui. Con un briciolo di soddisfazione, posso dire che iniziamo bene”.

Walter Sabatini ds Salernitana

Walter Sabatini ds Salernitana

Il microfono passa a Sabatini“Un’accoglienza straordinaria, più di così non potevo aspettarmi. Questo da stimoli straordinari, di cui abbiamo bisogno. Stare qui lo considero un privilegio, non è una fase discendete della mia carriera e tantomeno un capolinea. Ma è un ulteriore step della mia vita e un’occasione di rilancio con questo club, non intendo andar via”. – prosegue – “La Salernitana deve aggrapparsi a questo nuovo presidente. Voglio vedere lo stadio in festa, bambini che si divertono e le famiglia che esultano. Conosco la situazione, ho le spalle coperte e non voglio retrocedere. Credo in quello che faccio e per questo sono qui. Qualcuno forse mi ride dietro, ma quando prendo un impegno lo porto avanti con successo”.

Nwankwo Simy (foto: ANSA/FABIO FAGIOLINI)

Sul mercato: “Non ci saranno acquisti programmatici, ma calciatori che arriveranno per uno scopo preciso. Mercoledì vedrò il presidente e spero di chiudere per 2/3 operazioni importanti per affrontare la gara col Napoli, che non è di certo un’amichevole. Arriveranno giocatori giovani, ma non giovanissimi, con esperienza. Colantuono? Lo conosco da quando era un calciatore e ci ho già parlato. Simy? Un giocatore che ha goduto della mia stima, ha risorse e gol, ne ha fatti tanti in due anni. Il Simy della Salernitana mi ha deluso, ma sono pronto a cambiare opinione. Deve fare di più, non so ceh tipo di condizionamento ha avuto, la squadra lo sostiene ed è con lui, ma deve metterci più cattiveria, altrimenti tireremo le conclusioni. Quanti calciatori? Una correzione sarà fatta con 5 o 6 calciatori, ma prima devo parlare con la squadra. Chi arriverà? Non farò mai nomi dei calciatori, lo saprete delle ufficialità dell’area comunicazione. Posso dire che la squadra avrà integrazioni in ogni reparto. Tutti sono in discussione, vedremo chi andrà via”.

Franck Ribery

Franck Ribery

Una battuta su Ribery: “Un campione e farà il campione. I suoi comportamenti sono impeccabili. Semnpre partecipe, si impegna, è importante nel gruppo. Dopo lo chiamerò per salutarlo e fissare un appuntamento per domani”.

Questione allenatore, si parla di De Rossi, ma Sabatini stronca tutto: “State parlando di un figlio mio, ma non potrà arrivare per una questione tecnica, non è abilitato. Ripeto, non può arrivare. C’è un allenatore e merita rispetto”.

Il mercato sempre al centro della discussione: “Serviranno almeno otto giorni per rinforzare la squadra. Il  budget? Il presidente non ne ha parlato, ma è pronto a fare dei sacrifici congrui. Abbiamo parlato delle modalità, ma ripeto questo è un presidente pronto a fare sacrifici, se occorre. Quota salvezza? 36/37 punti, ma potrebbero non bastare, visto che prima erano almeno 40. Mercato straniero? Ho sempre attinto dall’estero, facendo buoni acquisti. Fazio? Lo hanno fatto uscire i giornali, non è un’opzione che escluderei, ma è una possibilità. Priorità? Lo ripeto, non faccio nomi e non dico i ruoli”.

Stadio Arechi di Salerno

Stadio Arechi di Salerno

Sui sei mesi di contratto: “Una mia richiesta al presidente, perchè nella mia carriera non ho mai voluto gravare sulle società. Ho sempre fatto contratti snelli, valuterò in questi mesi il mio operato, se non sarò soddisfatto andrò via”.

Quanti stimoli in questa sfida: “Mi stimola 10 questa avventura. Ma scusate bisogna fare un plauso per le vecchie gestioni della Salernitana. Ricordo quando c’era Gattuso mediano. Bisogna rivolgere almeno un pensiero a chi ha riportato la categoria in questa città”.

Tema covid e tifosi: “Il calcio al tempo del covid è terribile, vedere lo stadio con pochi tifosi non è bello. E’ triste arrivare alle partite con incertezza, non sapare chi gioca la domenica e chi hai a disposizione. Io fermerei il calcio, magari un break di un mese, però lo farei”.

Sul settore giovanile: “Ad ora il settore giovanile non è urgente, ma è un settore a cui bisogna fare qualcosa, una ristrutturazione degna di tale nome. Io considero una vergogna che una squadra di Serie A non abbia formazioni che possano rifornire la prima squadra di qualche ricambio”.

Sabatini con la sciarpa della Salernitana

Sabatini con la sciarpa della Salernitana