Salernitana. Lotito spinge per il girone A. Macalli: “Decide la Lega”

” Il Consiglio Federale ha stabilito il format di 33 squadre in Prima Divisione e 36 in Seconda, è nostro obbligo mantenerlo. Diverso sarà se nessuna squadra farà domanda di ripescaggio. Ogni mancata iscrizione è una sconfitta, defezioni per casi di mala gestione non ci turbano i sonni, ma non era questo il caso. A Nocera c’era una dirigenza seria che ha dovuto far fronte con la difficoltà a reperire le risorse necessarie. Spesso non basta partecipare, ma bisogna per forza di cose vincere. Ciò mette pressione e talvolta induce a fare il passo più lungo della gamba”. A parlare è il presidente della Lega Pro, Macalli, ai microfoni di Solo Salerno.
Dopo il forfait dei molossi, resterebbero azzurrostellati e granata ed un’altra ampia serie di squadre in rapporti tutt’altro che idilliaci con la torcida salernitana. Uno dei fattori che starebbe inducendo patron Claudio Lotito a chiedere una collocazione della Salernitana nel girone settentrionale sulla scorta di quanto accaduto due stagioni fa con il Salerno Calcio nel girone sardo-laziale. Sull’argomento Macalli s’inasprisce malcelando un dibattito già in itinere: Lotito giocherà nel girone che la Lega gli assegnerà, punto e basta. Richieste non ce ne sono state, sarebbero assurde, ma se continuate a chiedermi di questa cosa probabilmente qualcuno ha interesse affinch√© si materializzi. Il caso del Trapani è differente, è in Sicilia e per una questione di comodità logistica legata ai trasferimenti aerei si scelse di collocarlo nel girone A. La Salernitana giocherà dove deciderà il Consiglio di Lega utilizzando il buon senso, non accetteremo forzature ‚Äì tuona ‚Äì Occorre che qualcuno si metta in testa che la Salernitana è uguale all’ultima squadra di Seconda Divisione che fa 300 spettatori a domenica. Lotito rispetti le regole, non ci faremo impressionare dal bacino d’utenza. Continueremo a perseguire la nostra strada di correttezza e pulizia.
Sul fronte mercato, la Salernitana sarebbe vicinissima all’acquisto di Troiano, e viste le dimissioni del Ds Somma (Juve Stabia,ndr), in settimana incontro a Villa San Sebastiano per il ritorno di Murolo in granata.

Condividi