Real San Felice. Rabbia Savinelli: “In campo non voglio una sfilata di moda ma…”

Pesante la battuta d’arresto del Real San Felice sabato in casa contro l’ottimo Sporting Nola.Dall’ottimismo della vigilia del presidente Savinelli che annuncia gli acquisti dell’attaccante Nasti e difensore Piscopo classe ’93 alla desolazione post partita. Punti persi, manca coesione tra i reparti, mister Cinquegrana non ha dato alla squadra la sua fisionomia . Giusto in questi giorni ritrovarsi, fare il punto della situazione. I sanfeliciani incasa sciupano tanto:per una squadra che vuol salvarsi tra Villa Literno e Sporting Nola raccogliere un punto è da allarme rosso. Mastica amaro il ds Perrotta che ha cercato di portare quegli elementi in grado di far bene. Si attende un’immediata risposta dalla squadra sin dal prossimo impegno. Gli sforzi della società sono evidenti con due giocatori che arrivano ogni settimana ma ad oggi tali sforzi non sono stati ripagati. Nerissimo il presidente Savinelli al triplice fischio finale:Partita tra due squadre che volevano vincere. In queste partite più cattiveria e agonismo!Abbiamo solo dei nomi, i giocatori si devono calare in questa categoria. Altrimenti non si va da nessuna parte. Rispetto alla partita di San Vitaliano ,oggi tre passi indietro. Ci vuole più unione , altrimenti non ci risolleviamo. In cinque partite tre punti:c’è tempo ma voglio vedere una squadra più aggressiva. Non voglio vedere belle donne in mezzo al campo, una sfilata di moda ma una squadra aggressiva che lotti per i tre punti

MARIO FANTACCIONE

Condividi