Qui Savoia. Nove reti subite in due gare e l’epurazione di Guarro e Rinaldi

Quella di ieri a Cardito è stata la seconda, pesante e terrificante, battuta d’arresto per l’Oplonti Pro Savoia. Gli uomini di Teore Grimaldi, contro la Boys Caivanese, hanno incassato un pokerissimo difficile da digerire, che si va ad aggiungere alle quattro reti rifilate dal Portici ai bianchi. Quindi nove reti subite in due partite dagli oplontini, non due sconfitte da niente, ma due sconfitte che potrebbero aprire una crisi.

A fine gara lo stesso Grimaldi ha apertamente detto “dobbiamo solo vergognarci”, aggiungendo di vivere in un incubo. Nino Guarro si è subito scusato con la piazza per la figuraccia di Cardito, ma è proprio il capitano oplontino a farne le spese, con Todisco che ha tagliato sia il numero 3 dei bianchi, sia il centrocampista Luigi Rinaldi.

I PRIMI NOMI – Subito è partita la caccia a possibili rinforzi per il mercato di dicembre, sulla lista del presidente Todisco e del ds Pino Aiello sono finiti il difensore Giuseppe Allocca e il centrocampista Giorgio Di Vicino. In mattina, massimo nel pomeriggio ci sarà l’incontro con Allocca e Aiello, mentre la strada che porta all’ex Napoli e Salernitana sembra essere più complicata, poichè Di Vicino attende ancora una chiamata dalla Lega Pro. A confermarlo è lo stesso calciatore in un intervista fatta dai colleghi di SoloSavoia.it, ma lasciando intendere che lascerà comunque una porta aperta al club di Todisco.

IL PROSSIMO AVVERSARIO – Prima il ritorno di Coppa Italia Dilettanti contro il San Giorgio, poi si penserà nuovamente al campionato dove il Savoia affronterà, allo stadio “Alfredo Giraud”, la capolista Herculaneum, che oggi ha l’opportunità di allungare sui bianchi portandosi a +7, e a +4 sul Portici secondo classificato. Con molta probabilità potrebbe essere l’ultima chance per gli oplontini per risollevarsi.

Gianfranco Collaro

Condividi