Quarto. Vittoria in trasferta col Montecalvario, Longobardi: “Felice per il secondo posto”

Il Quarto chiude con un’ invidiabile posizione in classifica, secondo a 33 punti alle spalle della Lokomotiv da cui lo separano solo 3 punti, il girone di andata battendo in trasferta con tre reti di Biscardi, Nasti e Lago il Montecalvario.

Il mister Longobardi, finalmente soddisfatto ci riassume l’ incontro che ha portato la sua squadra ad attestarsi al secondo posto in classifica, dinanzi a squadre che all’ inizio del campionato risultavano più quotate:” √à stata una partita difficile, chi si limita a registrare il risultato potrebbe pensare altrimenti: il Montecalvario aveva bisogno di punti ed è partito con grande convinzione, tanto da non sprecare una nostra leggerezza difensiva che ha messo la palla sui piedi del loro attaccante che non ha fallito. Trovarsi al 5′ minuto sotto di una rete avrebbe potuto demoralizzarci, invece i ragazzi hanno subito ritrovato la concentrazione, ammortizzando il contraccolpo, giocando palla a terra fino al 21′ quando, con un’ ottima girata a volo, il solito Biscardi ha pareggiato. La squadra ha continuato a spingere e si è resa più volte pericolosa con Rizzo che ha costretto il portiere ad un miracolo, con Talento autore di una bella girata in area, con un colpo di testa di De Luise. Il raddoppio è arrivato con Nasti che svolge un grande lavoro ed è sempre presente in area. Al rientro dopo la pausa i nostri avversari, nel tentativo di riequilibrare le sorti dell’ incontro si sono scoperti e nel recupero Palermo, servito da De Luise, ha messo una palla dietro a Lago che ha blindato il risultato”.

-Mister Lei ha sempre parlato di salvezza, oggi siete secondi, soli dietro la Lokomotiv, l’ obiettivo è cambiato?
” Sono felice della posizione in classifica che ci unisce a squadre che hanno investito tanto con lo scopo manifesto di vincere il campionato o di giocarsi i playoff, ma quello che mi rende orgoglioso è che, nonostante nelle ultime settimane siamo scesi in campo ridotti all’osso a causa di alcuni infortuni e malanni di stagione, il gruppo ha risposto benissimo mostrando di essere cresciuto mentalmente e fisicamente, grazie al lavoro di preparazione del nostro prof Mattia Palermo, ma anche e soprattutto grazie al lavoro dei nostri direttori sportivi, del presidente e di tutti quelli che si curano del Quarto calcio” .