Pomigliano. Il probabile undici anti-Torrecuso

Meno di 24 ore ed il Pomigliano di mister Biagio Seno affronterà il primo match interno del 2014. Sparring partner dell’occasione il Torrecuso dell’ex Mario La Cava, trasferitosi nella compagine beneventana proprio 17 giornate fa, dopo che l’allora suo Pomi aveva affrontato (perdendo in malo modo) la sua attuale squadra. Da quella partita ebbe inizio l’epurazione granata e i volti noti che ne fecero le spese, oltre al già citato bomber, furono capitan Mario Follera e Giulio Panico (poi reintegrato nel gruppo). Ma ora come ora, guardare al passato è quanto meno superfluo, se non addirittura controproducente. Lo sguardo del nuovo Pomigliano, risollevatosi in classifica (nonostante lo stop di 7 giorni fa ad Agrigento) e in semifinale di coppa Italia, deve volgere all’orizzonte. E l’orizzonte granata ha il sapore agrodolce della sfida al Torrecuso. Tornano a disposizione di Seno Oretti e De Rosa, i due titolarissimi squalificati per la gara con l’Akragas, ma non potranno essere del match Pontillo e l’ancora convalescente Felice Rea. A questo punto, il 4-3-2-1 granata sembra poter prendere forma: Di Costanzo tra i pali; Candrina a destra, coppia di centrali formata da Schioppa e Varriale con Festa a sinistra; Oretti playmaker del centrocampo composto anche da capitan De Rosa (centro-destra) ed il baby Parentato, finalmente ok dopo varie influenze; in avanti Giulio Panico e Mimmo Suriano ispireranno Jack Romano, con bomber Gennaro Esposito che, a causa di qualche risentimento post-Akragas, dovrebbe entrare a gara in corso. Se invece l’ex Napoli dovesse farcela, sarà Panico a sedersi in panca, passando dal modulo ad albero di Natale al classico 4-3-1-2.

A cura di Mirko Panico

Condividi