Pomigliano. Coppa Italia: 2 turni a porte chiuse e ammenda. Le decisioni del giudice sportivo

Il Pomigliano non gioisce per il sorteggio di Coppa Italia. La gara del prossimo 11 dicembre, valevole per i quarti di finale, si giocherà sul campo dell’Akragas e non in terra campana. E se a ciò si aggiunge anche un’ammenda di 2000 euro più due turni casalinghi in (Coppa Italia) da disputarsi rigorosamente a porte chiuse, il quadro è completo. Infatti il giudice sportivo, dopo la storica gara vinta contro la corazzata Savoia ai quarti di finale, ha deciso di punire il club di patron Pipola. Come è possibile leggere nel comunicato diramato stamane sul sito ufficiale della Lnd, “in base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari: 2 turni a porte chiuse e 2000 euro di ammenda per avere propri sostenitori:

– fatto oggetto un A.A. , per l’intera durata della gara, del lancio di sputi che lo attingevano alla schiena;
– accesso tre fumogeni che costringevano l’Arbitro a sospendere la gara per circa un minuto;
– lanciato tre aste di plastica di bandiera in direzione di un A.A. che cadevano sul terreno di gioco ed una bottiglia piena di urina che colpiva un calciatore della squadra avversaria.