Pisa-Benevento 1-0. Ai toscani basta Cohen, la Strega crolla a picco sotto la Torre

Nella fredda e uggiosa sera di Pisa regna la parola riscatto, quello che cerca il Pisa dopo le ultime cinque in cui ha raccolto solo tre punti, una frenata dopo un inizio formidabile. Riscatto che cerca anche il Benevento, Caserta ha l’acqua alla gola e la Strega non riesce a spiccare il volo. Pisa senza bomber Lucca a segno anche con l’Under 21, Benevento che a sorpresa panchina Lapadula galvanizzato da due gol nelle ultime due gare con la nazionale Peruviana. Dirige Mariani.

La cronaca- La partenza per il Benevento è subito da brividi, traversone di Beruatto dopo 5 minuti e intervento maldestro di Vogliacco che esce malissimo e va a passi da un clamoroso autogol. 120′ più tardi il Pisa passa, il Benevento resta negli spogliatoi. Punizione dai 40 metri di Yohan Cohen, botta che sorprende la sopita difesa ospite e il pietrificato Paleari, vantaggio per i Toscani. La scossa prova a darla Insigne che scappa via e si inserisce in area, contatto con Hermannson che Mariani ravvisa regolare con giallo per simulazione a Insigne. Il Pisa continua a sfondare il muro difensivo dei Sanniti, Beruatto prende ancora il fondo e trova Masucci che da due passi mette in curva, Benevento graziato ancora. Il Benevento prova a darsi un tono, Foulon dentro per la testa di Improta che impegna alla deviazione in angolo Nicolas. Piove sul bagnato per i Sanniti, Foulon non riesce a proseguire la sfida, al suo posto dentro Elia. Insigne si carica il Benevento sulle spalle, giocata e palla a rimorchio per la botta di Ionita che va a botta sicura,vola in angolo con una parata straordinaria Nicolas. La ripresa inizia con il Benevento che carica a testa bassa alla ricerca del pari, giocata e botta di Calò che trova la deviazione di Ionita, palla insidiosa che si spegne a centimetri dalla porta di Nicolas. Non succede molto nella ripresa, sfida molto spezzettata e squadre stanche, Pisa che prova a gestire senza fatica il gol di vantaggio. Nulla di nuovo, il Pisa vola a meno due dalla vetta ed inguaia la Strega, terza sconfitta di fila per la squadra di Caserta che vede la sua panchina diventare decisamente pericolante.

Pisa (3-5-2): Nicolas; Hermannsoon, Leverbe, Caracciolo; Birindelli (35’st Marsura), Gucher (26’st Mastinu), Marin, Piccinini (35’st Di Quinzio), Beruatto; Masucci (16’st Sibilli), Cohen (35’st Cisco). A disp.: Livieri, Dekic, Seck, Spina, Quaini, Curci, Panattoni. All.: D’Angelo

Benevento (4-3-3): Paleari; Letizia, Vogliacco, Barba, Foulon (34’pt Elia); Ionita (10’st Lapadula), Calò (25’st Viviani), Acampora; Insigne, Sau (25’st Di Serio), Improta. A disp.: Manfredini, Tello, Vokic, Moncini, Masciangelo, Talia, Pastina. Brignola. All.: Caserta

Arbitro: Mariani di Aprilia. Assistenti: Pagliardini e Fontemurato. IV uomo: Marini. VAR e AVAR: Di Martino e Colarossi

Rete: 7’pt Cohen

Note: Ammoniti Insigne, Cohen, Letizia e Barba