Pallamano. Genea Lanzara, c’è il terzo colpo: arriva Mendo

Un altro innesto giovane e di qualità per la Genea Lanzara. Con grande soddisfazione, il sodalizio salernitano comunica l’approdo nel team rossoblu del duttile ed estroso terzino Alex Mendo.

Classe 2003 il giovanissimo atleta, al pari del nuovo portiere Joel Cappellari, ha disputato una stagione da protagonista nelle fila del Malo. Alex Mendo si è ben messo in evidenza durante l’intera annata sportiva, mostrando ottime doti realizzative e risultando capace di destreggiarsi in tutti e tre i ruoli sulla linea dei terzini; nonché spiccate capacità difensive, risultandone uno specialista giocando come terzo ed anche in posizione avanzata.

A coronamento di una importante Regular Season disputata nel girone A di Serie A2, Mendo si è ottimamente disimpegnato anche nel corso dei PlayOff Promozione di Chieti dello scorso Maggio.

Insomma, tutte queste caratteristiche hanno favorevolmente colpito il club presieduto da Domenico Sica assicurandosene le prestazioni e dimostrando concretamente, anche con l’inserimento nel roster di Alex Mendo, di puntare su giovani atleti dello stivale per conquistare obiettivi importanti anche in ottica futura.

“Sono molto contento che la società abbia deciso di contattarmi e di offrirmi una grande possibilità – esordisce il neo atleta rossoblu Alex Mendo – questo mi rende molto orgoglioso. Vedo questa opportunità, difatti, sia come un premio per tutti gli sforzi e la fatica che ho fatto finora, sia come un punto da dove ripartire: una tappa che sicuramente non è un traguardo.

La mia prima stagione pallamanistica è stata quella del 2015/2016, quando avevo già 12 anni. Durante il mio percorso al Malo ho avuto molte soddisfazioni tanto a livello giovanile come, ad esempio, il 3° posto al Festival della Pallamano di Misano Adriatico nella stagione 2016/2017 tanto con la prima squadra: negli ultimi due anni abbiamo raggiunto i playoff promozione e, nonostante il risultato finale non sia stato quello auspicato, per me rappresentano un’esperienza che ricorderò sempre e che mi ha fatto maturare sia come giocatore che come persona.

All’inizio vedevo la pallamano come un hobby, un passatempo che mi piaceva ma, con il passare degli anni, ho sempre più preso coscienza delle mie capacità e assieme ad essa è aumentato anche il desiderio e la voglia di rendere la pallamano un qualcosa di più.

Per quanto riguarda il mio approdo alla Genea Lanzara – prosegue – alle Final Six Promozione ho subito notato la voglia che possiede questa squadra di dare sempre il massimo, nonostante la giovanissima età dei suoi componenti, anche contro le squadre più esperte.

Penso che la società abbia già i mezzi adatti per poter realizzare i propri obiettivi e ritengo molto valido il progetto che mi è stato presentato, soprattutto per la filosofia di puntare sui giovani.

Personalmente alla squadra voglio dare tutta la mia voglia di fare bene, impegnandomi il più possibile per riuscire a ritagliarmi un posto importante e, soprattutto, per lasciare un segno positivo all’interno della società. Voglio mostrare tutte le mie capacità e soprattutto imparare tutto ciò che coach Manojlovic e i miei futuri compagni potranno insegnarmi.

I miei obiettivi personali sicuramente saranno quelli di crescere sia tecnicamente che fisicamente e diventare un giocatore completo. Invece ulteriori obiettivi, che etichetterei sia come personali che di squadra, sono il raggiungimento dei playoff in prima squadra e la conquista della finale. Con l’U20 sarebbe una grandissima soddisfazione riuscire ad eguagliare il risultato raggiunto quest’anno dalla squadra e cercare di superarlo.

Infine volevo ringraziare la società del Malo, i suoi tifosi e tutti i giocatori per avermi accolto calorosamente, cresciuto e accompagnato fino a questo momento, augurando loro buona fortuna per la prossima stagione”.