Paganese. Agovino replica al presidente del Rotonda: “Uno schifo, che vergogna”

La Paganese ieri ha vinto 3-2 in trasferta contro il Rotonda. Al termine dalla gara il presidente dei lucani, FrancoBruno, non le ha mandate di certo a dire al tecnico degli azzurrostellati Massimo Agovino, ai microfoni del proprio ufficio stampa:

“Io ho visto una partita particolare. Mi dispiace dire certe cose per un allenatore, ma un mister che viene qua, ho ascoltato l’intervista del mister della Paganese ed è stata vergognosa. Si deve vergognare, quando si guarda allo specchio al mattino deve dire vergonati. Hai visto una squadra di categoria superiore, ma tu dovevi vedere portiere oggi inutile del Rotonda che ti ha regalato tre goal. Dire grazie perchè sta arrivando Pasqua e gli fai gli auguri per Pasqua. Questo devo dirti. Il Rotonda, invece, sul 3-0 ha avuto l’anima e il coraggio di portare la partita sul 3-2 e per colpa dell’arbitro non l’ha potuta pareggiare e magari anche vinta”.

Arriva sui social la replica del tecnico della Paganese:

“Con mia profonda sorpresa, mi è stato inviato il video post partita Rotonda-Paganese, dove il presidente della squadra di casa (dove non conosco il nome e soprattutto mai visto sui campi di calcio) mi dice che devo vergognarmi, che la mattina quando mi guardo allo specchio dovrei provare vergogna. Caro signor coso, (ripeto non ricordo il nome) vergognarmi di cosa? Per avere detto che la mia squadra per 27 minuti ha giocato un calcio che non è di questa categoria? Ma ti ho ammazzato il cane i figli, ti ho fatto un torto così grave da dovermi vergognare? Mister Pagana ha affermato che il primo tempo poteva finire anche 0-5, allora mi chiedo il perché di questa sua indecorosa intervista. Lei deve vergognarsi fortemente, per aver espresso un giudizio che mortifica e distrugge un suo tesserato, dicendo che abbiamo vinto grazie ad un portiere INUTILE. Che schifo presidente, che vergogna, lei ha solo la fortuna che quel povero ragazzo sia un under, avrei voluto vedere se lo avesse detto ad un portiere esperto…con tutta probabilità sarebbe finita in modo diverso per lei. Faccio questo lavoro con amore e professionalità, e certamente non mi faccio insegnare da lei come si vive. Due anni fa fui chiamato dal vostro direttore per sostituire un collega esonerato, poi non se ne fece niente, ho capito, dopo averla sentita che Dio è grande, mi ha risparmiato di conoscere un essere come lei”.

IL VIDEO