Olimpiadi 2020. Corsa a due tra Madrid e Tokyo, Istanbul alla finestra

Buenos Aires, 6 set. – Proseguono le toto-olimpiadi in attesa della decisione del Cio, che domani sera a Buenos Aires annuncera’ quale citta’ tra Madrid, Tokyo e Istanbul sara’ la sede delle Olimpiadi estive del 2020. Secondo le ultime indiscrezioni, la partita si gioca tra Madrid e Tokyo. In quanto a entusiasmo, il popolo spagnolo sembra distaccare gli sfidanti, con il 77% degli ispanici che afferma che sarebbe entusiasta di ospitare i Giochi in patria. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha definito la Spagna la scelta “piu’ economica e senza rischi” per il Cio, ricordando che l’80% degli edifici sarebbero gia’ pronti, e il sindaco di Madrid Ana Botella ha assicurato che “non ci saranno elefanti bianchi” (cioe’, piu’ costi che benefici) se venisse scelta la capitale spagnola. Rajoy ha aggiunto anche che la Spagna e’ un paese “con un buon clima, gastronomia, molte cose da vedere e gente simpatica”. Il governo giapponese sta invece lottando contro il tempo per risolvere la questione degli sversamenti di acqua contaminata della centrale nucleare di Fukushima. Le indiscrezioni sulla sua sconfitta nella sfida per l’assegnazione delle Olimpiadi hanno procurato al Giappone una perdita in borsa dell’1,45% nel settore infrastrutturale ed edilizio. Tokyo, inizialmente, sembrava la scelta piu’ sicura per i membri del Cio, che potevano contare su un economia solida e dei servizi pubblici efficienti. Istanbul, se venisse scelta, sarebbe la prima citta’ a maggioranza musulmana a ospitare i giochi, ma e’ rimasta indietro per problemi di instabilita’ politica, dovuti ai recenti disordini di piazza e alla crisi siriana. Ma al di la’ delle supposizioni, “nessuno puo’ sapere cosa succedera’ alla votazione”, ha ricordato Alejandro Blanco, presidente della candidatura olimpica di Madrid, “siamo tre candidature importanti”. Alla vigilia della riunione, l’ex sottosegretario ai Beni culturali italiani Francesco Giro, ha ammesso di avere qualche rimorso riguardo all’Italia: “E’ stato un clamoroso errore ritirare la candidatura di Roma per le Olimpiadi 2020”. Il governo italiano, dopo aver proposto Roma e Milano, aveva deciso di non partecipare a causa della crisi economica e della mancanza di strutture sportive adeguate. Alla riunione del Cio di domani, in un Teatro Colon blindato, parteciperanno 115 membri del Comitato e vari capi di stato tra i quali Rajoy, il primo ministro turco Tayyp Erdogan e quello giapponese Shinzo Abe. Tra i reali, saranno presenti i principi Filippo e Letizia di Spagna, Alberto di Monaco, Federico di Danimarca, Faisal Bin Al Hussein di Giordania, il re Guglielmo d’Olanda e la principessa Ana di Inghilterra. I partecipanti raggiungeranno il Teatro nel tardo pomeriggio e alle 19 (che saranno le 23 in Italia) si dara’ inizio all’assemblea.(AGI) .

Condividi