Nola. Bruniani cadono in Puglia, a vincere è il Matino

Il Nola non affonda e rimane impantanato nelle zone calde della classifica. La gara contro il Matino doveva essere quella della sterzata alle pretendenti ma, a sorpresa, arriva una sconfitta in rimonta. I bruniani si presentavano all’appuntamento senza D’Orsi (acciaccato) e Caliendo (squalificato) ma potevano contare sui nuovi Zito e Miocchi tra i convocati.

La gara si mette subito in discesa per i ragazzi di Mister De Stefano che al 18′ trovano il vantaggio: fallo su Donnarumma in area di rigore e penalty, dal dischetto va Figliolia che non sbaglia. Il Matino però non ci sta e approfitta di un calo soprattutto mentale dei bianconeri. Al 35′ la recupera Monopoli con un bolide da posizione defilata. Al 76′ il sorpasso è firmato da Inguscio, abile a trovare l’angolino con una conclusione dal limite. All’89’ i pugliesi potrebbero addirittura siglare il 3-1 ma Cappa para il suo secondo rigore consecutivo neutralizzando un improvvido cucchiaio.

DICHIARAZIONI

“Una brutta sconfitta di cui mi assumo tutta la responsabilità – ha dichiarato mister Antonio De Stefano – La partita si è subito messa come volevamo noi ma poi abbiamo avuto un calo mentale che non possiamo avere. Non possiamo concedere due gol ad una nostra concorrente. Sono responsabile e ci metto la faccia. Mercoledì contro il Lavello dobbiamo subito voltare pagina”.

“Baratterei il mio gol con la vittoria di oggi – ha dichiarato Simone Figliolia, autore del gol del momentaneo vantaggio – Dobbiamo lavorare meglio e creare di più. Ora testa e sudore per la prossima, mercoledì abbiamo il Lavello e dovremo riprenderci quello che oggi abbiamo mancato, ovvero la vittoria”.

IL TABELLINO

Reti: Figliolia 18′ (N), Monopoli 35′ (M), Inguscio 76′ (M).

Virtus Matino: Leuci, D’Andrea, Patronelli, Meola, M’Bengi (55′ Cimino), Mangione, Monopoli, Tarantino (46′ Calò), Morra (90′ Fina), Palmisano, Inguscio (86′ Ancora). A disposizione: Caputo, Rantucho, Mbengue, Giannantonio, Gramegna. Allenatore: Giuseppe Branà.

Nola 1925: Cappa, Togora, D’Ascia, Cassandro, Sicignano, Acampora (86′ Ndiaye), Staiano (62′ Camara), Donnarumma (75′ D’Angelo), Di Dato (51′ Coratella), Ruggiero, Figliolia (62′ Zito). A disposizione: Mariano, Miocchi, Pietroluongo, Corbisiero. Allenatore: Antonio De Stefano.

Arbitro: Giampietro di Pescara (assistenti Bosco di Lanciano e Giorgetti di Vasto).
Note: ammoniti Tarantino, Cimino, Mangione, Leuci e Ancora per la Virtus Matino; ammoniti Donnarumma, D’Ascia e Camara per il Nola.