Napoli. Zuniga e i gradi di capitano. Segnali di rinnovo?

Eccola la cartolina di San Siro. Lo scatto che riconsegna al Napoli fiducia in chiave mercato. O almeno in ottica rinnovo. Minuto 65: il Napoli è avanti per 2-0 ma soffre maledettamente il pressing del Milan che vuole rientrare in partita. Benitez decide quindi di richiamare in panchina Hamsik, lanciando nella mischia Pandev, per provare a tenere più su palla, per dare ossigeno a difesa e centrocampo.

Marekiaro saluta tutti e si toglie la fascia. A chi darla? Non c’è Cannavaro, nè Maggio, nè Inler. I gradi di capitano lo slovacco li cede a Juan Camilo Zuniga. Uno spiffero di rinnovo. E’ vero: il colombiano, tra quelli in campo, è quello con il maggior numero di presenze in azzurro ma è anche vero che la sua situazione contrattuale di difficile interpretazione avrebbe potuto spingere don Rafè a optare verso un’altra soluzione. No secco del maestro spagnolo, fiducia a Zuniga, fiducia ad un giocatore essenziale, importante, nello scacchiere azzurro.

Zuniga apprezza ed accetta di buon grado: che sia un segnale per una sua firma imminente? Il dubbio persiste e continuerà ad esserci fino a quando il colombiano non avrà sciolto ogni dubbio. I tifosi aspettano il suo s√¨, con buona pace di Juve ma, soprattutto, Barcellona.

Foto: Saso Arts Design

Condividi