Napoli. Via al tour de force: le probabili scelte anti-Atalanta di Benitez

Passata l’enfasi della qualificazione azzurra ai prossimi mondiali, si ritorna a pensare alla stagione del Napoli. Tra ieri e stamane Benitez ha riabbracciato tutti (eccezion fatta di Zuniga, che sarà a Castelvolturno solo domattina) i nazionali in giro per il mondo. Ma che impatto avranno avuto i loro impegni sull’undici anti-Atalanta? Cerchiamo di scoprirlo.

Tra i dogmi dell’appena inaugurata era Benitez (che speriamo essere prodiga di vittorie e soddisfazioni) spicca di sicuro quello dei doppi ruoli: ogni giocatore deve avere almeno un sostituto naturale, per prevenire lo stress fisico e mentale derivante da una stagione che si preannuncia a dir poco zeppa d’impegni e per non accusare troppo il colpo di eventuali (facciamo i debiti scongiuri) infortuni. In una settimana il Napoli affronterà in ordine prima i bergamaschi, poi il Dortmund e, dulcis in fundo il Milan di Kakà e Balotelli. E’ molto probabile che contro i nerazzurri trovi spazio chi, fin’ora, ha visto il campo di meno. E allora ecco la seria candidatura di Paolo Cannavaro al centro della difesa ad affiancare Britos. Raul Albiol ha infatti giocato (per intero) due gare con la selezione iberica e Benitez vorrà di sicuro tenerlo fresco per il mercoled√¨ Champions. Sulle fasce si annuncia una staffetta tra colombiani: improbabile si rischi Zuniga, come anticipato ancora in volo, molto più realistico, invece, pensare che Don Rafè dia una chance ad Armero, tornato già da qualche giorno ai suoi ordini “grazie” alla squalifica occorsa in nazionale. A destra dovrebbe essere riconfermato Maggio, che però viene a sua volta da un doppio impegno con l’Italia: non è da escludere quindi una chance (anche a gara in corso) a Giandomenico Mesto.

In mezzo al campo giocheranno i due più informa o comunque chi, nella nazionale elvetica, ha giocato meno: la scelta dovrebbe ricadere su Behrami e Dzemaili, ma non è detto che a gara in corso non si possa assistere ad una sorta di staffetta con Inler o, addirittura, il giovane Radosevic: molto dipenderà anche dal risultato. Ipotecare la gara nel primo tempo sarebbe una manna dal cielo.

Davanti sicuro di un posto il Pipita Higuain, che ha sfruttato questi giorni per arrivare al top della forma. Dietro di lui agiranno Callejon a destra (sicuro del posto), Hamsik (insostituibile stacanovista) tra le linee centrali ed il belga Mertens a sinistra (tornato dagli impegni della nazionale belga fresco come un fiore non essendo sceso in campo). Lo slovacco, tuttavia, potrebbe nella ripresa cedere il campo a Lorenzo Insigne, con Callejon al centro ed il furetto di Fratta largo a sinistra.

Ecco la probabile formazione:
4-2-3-1: Reina; Maggio (Mesto), Cannavaro, Britos, Armero; Behrami, Dzemaili; Callejon, Hamsik, Mertens; Higuain.

 

Condividi