Napoli. Petagna: “E’ un onore vestire questa maglia”

Stamani ai microfoni di Radio Kiss Kiss è intervenuto il neo calciatore del Napoli, Andrea Petagna. La possente punta azzurra, prelevata dalla Spal, ha raccontato le prime sensazioni della sua nuova avventura all’ombra del Vesuvio: “E’ un onore vestire questa maglia. L’elogio dei tifosi dopo l’amichevole con il Pescara? Sono molto contento e spero di poterli renderli felici nelle partite ufficiali. Sto molto bene  qui, sono arrivato da poco ma già mi sento a casa. E’ gratificante e stimolante avere compagni di squadra di un livello così alto. C’è una rosa ampia, c’è qualità e competizione e questo è importante per essere una squadra che punta in alto. Questo potrebbe essere l’anno della mia consacrazione? Io sono abituato a tenere i piedi per terra. Ho fatto tanta gavetta in vita mia e ora sono contento di aver conquistato la maglia prestigiosa del Napoli. Ho tanta di fame di gol, di crescita e sono veramente contento di essere in questa città. Gattuso? È un grande, l’ho conosciuto da giocatore e adesso lo vedo come allenatore, con la stessa grinta e la stessa carica. Voglio seguirlo perchè per me è un campione e un esempio. Che io giochi una partita o un solo minuto, sarò a disposizione del mister e del gruppo per il bene della squadra. Quali sono le mie attitudini tecniche? Le mie caratteristiche migliori sono quelle di giocare con la squadra e aprire spazi. Poi sono migliorato in zona gol, ma devo tanto ancora migliorare. Questa è la squadra ideale per maturare sotto tutti i punti di vista. Napoli? Devo dire che non vedevo l’ora di conoscere Napoli ed ho già visto, in quei pochi giri che ho fatto in taxi, che è una città meravigliosa. Oltre la bellezza del territorio c’è anche tanta energia che si percepisce tra la gente. Sono davvero felice dell’impatto. Il Club ha creduto in me, adesso devo essere io a dimostrare cosa valgo. Sarei potuto venire già a gennaio, ma sono arrivato adesso e non vedo l’ora di inziare. Obiettivo personale? Il mio obiettivo personale è quello della squadra, ovvero puntare alla zona Champions per tornare nei primi 4 posti. Poi chiaramente cercheremo di fare strada in Europa League, competizione molto importante alla quale teniamo. Personalmente ho tutte le carte in regola per poter contendermi una maglia e per imparare tanto dai campioni che ha il Napoli. Ribadisco che la concorrenza aiuta a crescere. Io sono aperto a tutte le decisioni del mister, conosco le mie potenzialità e cercherò di metterle a disposizione della squadra”.

 

 

Condividi