Napoli. La notte magica di Insigne: “Inno Champions da brividi. A Milano senza paura”

Un esordio da sogno. Lorenzo Insigne ha cominciato nel migliore dei modi la sua avventura napoletana in Champions. Una punizione da favola, decisiva ai fini del risultato che ha consegnato i primi tre punti nel girone contro una corazzata quale il Borussia. Durante la diretta di Radio Goal, il Magnifico è intervenuto sulle frequenze di Radio Kiss Kiss: “Ieri dopo la vittoria contro il Borussia sono riuscito a dormire, sono andato a letto un po’ più tardi, ma ce l’ho fatta. Nel momento in cui lo stadio ha gridato ‘the Champions’ mi sono venuti i brividi. Due anni fa l’avevo sentita in TV quando ero a Pescara, me ne aveva parlato Cannavaro ma non ci credevo, è stato fantastico”.

Una punizione da manuale del calcio: “Ho tirato cos√¨ bene che nessun portiere avrebbe potuto prendere quella palla. Penso che anche se l’estremo difensore del Borussia si fosse mosso con i tempi giusti, non l’avrebbe presa. Mi dispiace per lui, ho appreso guardando alcune immagini che si è rotto un dente. √à una vittoria importantissima che ci dà fiducia, andremo a San Siro con un grande spirito, per fare bene. Dopo la partita Benitez non dice nulla di particolare, in mattinata ci ha fatto i complimenti però dobbiamo stare tutti con i piedi per terra, dobbiamo solo lavorare e cercare di migliorarci. Aspettavo da tempo di correre sotto la curva, dispiace per l’ammonizione, ma ero cos√¨ contento che non sono riuscito a contenermi. Ma è stata un’emozione bellissima”.

Dall’azzurro Napoli a quello più intenso, quello della Nazionale: “Penso a fare bene prima di tutto con il Napoli poi quando verrò chiamato da Prandelli significa che avrò fatto bene con questa maglia, cercherò di ottenere la sua fiducia dando il meglio. Sfida al Milan di domenica? Spero sarà una partita corretta, sia per i nostri tifosi che per quelli del Milan, mi auguro che vada tutto bene, soprattutto per noi. L’esultanza con il cuore? Dedicato a mia moglie in tribuna”.

Condividi