Napoli-Feynoord 3-1. I partenopei mettono Ko gli olandesi

Chi perde, stasera, è già con un piede fuori dalla Champions League. Napoli e Feyenoord si affrontano al San Paolo alle 20.45, entrambe hanno incassato un pesante ko all’esordio: gli azzurri a Kharkiv contro lo Shakhtar Donetsk (2-1), gli olandesi a Rotterdam contro il Manchester City di Guardiola (0-4). Ma sono gli azzurri a spuntarla, come da pronostico, con le reti del tridente d’attacco azzurro. Disattenzione della difesa del Napoli nel finale e il Feynoord trova il goal con Amrabata. Nel girone è il City a stare in vetta con quota sei punti battendo lo Shaktar, Napoli con gli ucraini a quota 3. Fermo a 0 il Feynoord.

PRIMO TEMPO
Parte l’inno ufficiale della Champions League, squadre squadre schierate! Sale l’adrenalina per il fischio d’inizio. Partiti! Inizia ora la partita al San Paolo. √à il Napoli a dare il fischio iniziale a questa sfida. Buono l’avvio del Feynoord che sembra voler provare a costruire il gioco. Ma il Napoli prende subito in mano la partita e inizia a dominarla. Al 7′ minuto gli azzurri trovano subito il goal con Lorenzo Insigne: Il Magnifico recupera palla sulla trequarti, salta un uomo, avanza verso l’area di rigore e lascia partire un tiro a giro che finisce nell’angolino basso. Un goal stupendo che permette al Napoli di passare al vantaggio. Ma il Napoli è ancora pericoloso e vuole il secondo goal. Grande lancio di Maksimovic per Hamsik, che si infila tra i due centrali all’interno dell’area di rigore. Ma lo slovacco calcia male, subendo la pressione di Tapia. Prova a palleggiare anche il Feynoord, ma trova pochi spazi con un Napoli che è molto aggressivo sul pallone. Molto variabile il modulo del Feynoord, che si abbassa molto in fase di non possesso e lascia solo Boetius ad agire come riferimento centrale. Il Napoli lascia fare al Feynoord ma in realtà dovrebbe avere fretta di chiuderla. Ci prova al 30′: solito taglio di Insigne dalla sinistra per Callejon, tagliata fuori tutta la difesa ma Jones in uscita sullo spagnolo. Ottima ripartenza degli azzurri: Insigne serve Mertens a sinistra, Il belga alza la testa e cerca di premiare il movimento di Allan, ma il brasiliano non riesce a controllare il pallone leggermente arretrato. Napoli ad un passo dal goal al 41′: pallone recuperato da Jorginho per Mertens, tocco di prima di Callejon che con la punta prova a superare Jones in uscita disperata. Si salva il Feynoord. Ancora occasione per il Napoli con il capitano: la sua conclusione però non trova lo specchio della porta. Si chiude il primo tempo con il Napoli avanti. Non al meglio la squadra di Sarri, che ha comunque creato numerose occasioni concedendo poco agli avversari.

SECONDO TEMPO
Si riparte. Parte questo secondo tempo senza cambi rispetto alle formazioni che hanno iniziato il match. Il Napoli ha voglia e fretta di chiuderla perciò parte molto forte in questa seconda frazione di tempo. Con tanta caparbietà il goal arriva al minuto 48: retropassaggio insensato di Diks, che regala a Mertens il pallone a centro area. Tutto facile per il folletto belga, che con il destro deliziosamente piazza il pallone alle spalle di Jones. Ottimo Napoli che può esultare per il secondo goal. Ma il Feynoord, dopo aver accusato il colpo, cerca di reagire e al 53′ la squadra olandese ci prova con Berghius: l’olandese prova la conclusione tesa, ma non angolata. Blocca a terra Reina. Ma prova a gestire ora il Napoli, che non vuole sprecare troppe energie dopo aver consolidato il risultato com Dries Mertens. Nell’altra gara del girone il City sblocca la gara e va avanti sullo Shakhtar Donetsk e quindi buona notizia del Napoli. Colpo di scena arriva al 66′: Berghius entra in area di rigore constatato da Ghoulam e Koulibaly, il numero 19 si lascia cadere ma viene assegnato il calcio di rigore. Ma grande guizzo del portiere del Napoli che si tuffa sulla sua sinistra e neutralizza la conclusione di Toornostra! Sulla respinta spazza via Koulibaly. Ci spostiamo sul fronte opposto e il Napoli trova il goal del 3-0: ripartenza pazzesca del Napoli con Mertens che verticalizza per Callejon, che dall’interno dell’area piazza il diagonale delicatamente che batte Jones! Il Feynoord, nonostante il colpo subito e consapevole di non poter vincere, non si perde d’animo e ci prova al al 75′: conclusione di Berghius che non riesce ad angolare. D’istinto si salva il portiere del Napoli. Il Feynoord prova a chiudere la gara con orgoglio, senza però mostrare grandi armi a disposizione per mettere in difficoltà la formazione di Sarri. Si entra negli ultimi 5 minuti del match con il Napoli in assoluto controllo. Calo di concentrazione nel finale, con Amrabat che si infila tra Maksimovic e Koulibaly, batte Reina e trova il goal del 3-1. Il Napoli trova comunque la vittoria e i giocatori del Napoli esultano sotto la curva con i proprio tifosi che intonano “Un giorno all’improvviso”.

 

Edoardo Riccio