Napoli-Chievo 2-0. Cento volte Hamsik: lo slovacco e Gabbiadini liquidano i clivensi

Nella sesta giornata di campionato il Napoli impegnato al San Paolo contro il Chievo, risponde alla Juventus, vincente contro il Palermo, e continua a tenere sotto controllo i punti di svantaggio dai bianconeri.

Al contrario della partita vista contro il Genoa, nella quale con meriti dei rossoblu e demeriti degli azzurri, il Napoli non è riuscito a concretizzare le occasioni create (rimpianto per due rigori non concessi, ndr). questa volta la formazione schierata da Sarri ha dato il meglio di sè.

Il risultato è deciso nel primo tempo, tra il 24′ e il 39′. A decidere Gabbiadini, che sblocca, e Hamsik che fa centro gol con la maglia azzurra.

Davanti ad un Chievo solido e organizzato, la squadra di casa è riuscita a far prevalere il cinismo e la tecnica. I gialloblu veronesi hanno provato a dare filo da torcere ai padroni di casa, senza però creare reali occasioni da gol. Solo Castro e Floro Flores, a circa venti minuti dalla fine del match, hanno sfiorato il 2 a 1, ma senza successo.

Molto attenta la difesa azzurra, molto vivace il reparto avanzato. Gabbiadini si è rivisto pimpante e voglioso, forse spronato dalla incontenibile compagno di reparto, Milik. Il centrocampo viene manovrato quasi alla perfezione da Zielinski, che solo all’inizio del primo tempo si prende una pausa, e da Hamsik, dispensatore instancabile di assist, vincenti e non. A portare al gol l’ex Sampdoria è stato, però, il solito Callejon dalle doti ormai indescrivibili. Seconda partita a secco per lo spagnolo, che però si fa vedere in ogni zona del campo.

Sul versante sinistro c’è Ghoulam, che serve sempre con precisione chirurgica i compagni di squadra. L’algerino è però contrastato da un Cacciatore molto preciso, presente e propositivo. Sulla stessa fascia a dare fastidio alla retroguardia azzurro c’è anche Lucas Castro. La difesa, però, è in grado di arginare ogni azione offensiva dei veneti.

Il secondo tempo è un banco di prova, superata, per gli azzurri. Nei primi minuti la squadra di Maran prova a riaprire il match, mettendo in difficoltà i padroni di casa. In qualche modo il Napoli argina e si salva. Con il passare dei minuti il Chievo si ritira ma non abbandona mai psicologicamente il match, tant’è che riesce a mandare in un paio di occasioni in porta Floro Flores, respinto da Koulibaly e Reina. Napoli a risparmio energico, ma con l’attenzione quasi sempre a mille. Poche le azioni concesse agli avversari.

Una prestazione cinica da parte del Napoli, che dopo il flop di Genova ha rimesso a tacere i malumori. Secondo posto consolidato e contro una squadra a un solo punto di distanza. Il Chievo infatti sosta al quinti posto a quota 9 punti.

Cristina Mariano

Condividi