Napoli in Champions, De Laurentiis: “Bisogna accendere la passione del San Paolo”

Anche Aurelio De Laurentiis, con un intervento telefonico, ha parlato del ritorno del suo Napoli nell’Europa che conta. Ecco quanto riportato da La Gazzetta dello Sport: “Sono contento di questo avvio di stagione, speriamo che il Borussia non sia la matrigna o la sorellastra di Cenerentola”.

Il Napoli è ormai una realtà in Italia, da consolidare anche in Europa: “Per nove anni ho dovuto rinunciare a fare film internazionali. Allora ho detto basta ed ho scelto Benitez. Ho contattato anche Villas Boas e Pellegrini ma lui ha vinto di più e poi ha un grande senso della famiglia. Visto che il Napoli è una famiglia, ho pensato fosse l’uomo giusto per noi”.

Mazzarri e la sua nuova sfida all’Inter: “Sono contento che grazie a lui si sia creato un bell’ambiente in casa nerazzurra. Io sono amico di Moratti e gli auguro che questo gli serva per resistere alla tentazione di cedere. In tal senso sono italianista, speriamo che a Moratti sia tornata la solita voglia di calcio”.

Napoli in poche parole: “E’ una pepita avvolta nel cammeo”.

Si torna in Champions: “Il nostro girone è tosto, stavolta giochiamo contro un mostro a tre teste. I tedeschi hanno un allenatore che li guida da anni poi hanno preso Aubameyang, un calciatore che ho seguito già da febbraio; poi lanciano i giovani. Noi dobbiamo ancora migliorare, loro sono già rodati. Però, essendo il Borussia spregiudicato, spero che Benitez con la sua esperienza riesca a mettere in difficoltà Klopp”.

Napoli competitivo per arrivare fino in fondo: “Abbiamo preso gente con esperienza internazionale. Tutti gli elementi sono funzionali al progetto, poi Benitez parla tante lingue e sa gestire bene i tanti stranieri che abbiamo. Vargas, per esempio, non si è integrato anche per ragioni linguistiche”.

Il monito del patron: “Accendere la passione del San Paolo”.

Condividi