Mercato. Ultimi giorni roventi: saluta Boateng, si sogna Kakà

Poco più di 72 ore e poi, il mercato, potrà dirsi definitivamente chiuso: diversamente da quanto tracciato dalla linea guida austera delle ultime giornate, le ultime ore promettono fuochi e fiamme. Milan su tutti, il mercato può ancora dire molto. Ecco le più interessanti trattative odierne, raccontate per voi dalla redazione di Sportcampania.it.

Uno stand-by di due mesi – Poi, con la qualificazione in Champions, il Milan parte finalmente in quarta: acquistato ufficialmente dalla Juventus quell’Alessandro Matri (costato poco meno di 12 milioni) espressamente richiesto da mister Allegri nell’incontro di ieri con Berlusconi e Galliani ad Arcore. Incontro nel quale è emerso un altro, importante dato: Kevin Prince Boateng non è incedibile e può accasarsi allo Shalke, l’affare è praticamente fatto. Stamane il ghanese ha svolto le visite mediche a Gelsenkirchen: al Milan arrivano 15 milioncini da reinvestire. Su chi? C’è solo l’imbarazzo della scelta. Se il sogno è sempre quel ritorno di Kakà, praticamente grande solo in rossonero (e in Nazionale), la realtà sembra portare al nipponico Honda, che sogna il rossonero sin da piccolo (almeno a quanto dichiarato). Saluta (ma solo per una cessione in prestito) anche il baby Petagna, che passa alla Samp, suo nuovo lido: avrà qualche chance in più per mettersi in mostra ed accumulare esperienza nella massima serie.

La Vecchia Signora ed i giovani – Preso dal Eintracht Francoforte il giovanissimo Kempf: manca solo l’ufficialità, ma il promettente difensore tedesco (classe ’95) dovrebbe sbarcare a Torino con la formula del prestito con diritto di riscatto. Per un giovane che arriva, eccone un altro che saluta il nostro calcio: si tratta di Boakye, che approda all’Elche, nella Liga. L’attaccante africano è stato uno dei principali artefici della promozione del Sassuolo nell’ultimo campionato, ma no assaporerà la A. Proprio i modenesi hanno chiesto al club bianconero Marrone, chiuso alla Juve e voglioso di un’esperienza da protagonista nel massimo campionato italiano. Sulle sue tracce ci sono anche Samp (che deve decidere se vendere Obiang) e Parma (che potrebbe inserire il giovane talento made in Turin nell’operazione che porterebbe Biabiany sotto la Mole). Intanto Marotta congela Quagliarella che, almeno fino al prossimo Gennaio, non cambierà casacca.

Asse Tirreno-Adriatico – Dopo il sopracitato acquisto di Petagna, la Samp vuole ulteriormente infoltire la rosa con un altro centrocampista ed un difensore. Gli identikit portano a Bjarnsson e Capuano, i due gioiellini del Pescara. Per far lasciare loro l’ Abruzzo, però, la Samp però dovrà convincere i delfini a suon di milioni (5 per il centrocampista e 3 per l’ex under 21 azzurro).
Le altre operazioni – Qui Parma: per un Gargano che arriva (l’operazione col Napoli si dovrebbe fare) ecco un Mesbah (Besiktas) ed un Ninis (PAOK) pronti a salutare. Dovessero concretizzarsi entrambe le cessioni, dall’Inter potrebbe arrivare anche Joel Obi. In attacco potrebbe verificarsi la staffetta tra Okaka e Vukusic (attualmente a Pescara). Ultima ora: sembrava tutto fatto, invece Dossena non vestirà la maglia del Toro: l’esterno (ancora) azzurro non ha superato le visite mediche. Passaggi a centrocampo: il Catania prende Guarente, il Genoa Traorè dal Milan e lo gira all’Olympiakos, mentre Mantovani è il rinforzo richiesto da Pioli per la difesa del Bologna. Scambio di portieri tra Livorno e Padova: Anania va in Toscana, Mazzone in Veneto. Saluta anche il baby Crescenzi, che dalla Roma, va in prestito all’Ajaccio di Ravanelli.
Condividi