Memorial D’Angelo. I tabellini e la cronaca della seconda giornata

Seconda giornata – Giovedì 19 settembre

CANOTTIERI NAPOLI-POSILLIPO 6-16 (1-6; 2-2; 2-3; 1-5)

 

Canottieri Napoli: Turiello, Buonocore 1 rig., Campopiano, Bernaudo, Brguljan 1 rig, Morelli, Ronga, Primorac, Parisi, Borrelli 2, Baraldi 1, Esposito 1, Vassallo. All. Massa.

Dooa Posillipo: Cappuccio, Dolce 1, Rossi, Foglio 2, Mattiello, Radovic 2 (1 rig.), Renzuto 3, Gallo 2 (1 rig.), Klikovac 1, Bertoli 2, Russo 1, Saccoia 2, Negri. All. Cufino.

Arbitri: Alfi e Calabrò.

Superiorità numeriche: Canottieri Napoli 2/14, Posillipo 7/11.

NAPOLI – Il Posilipo gioca un primo tempo perfetto (tra l’altro 4 su 4 con l’uomo in più) e va all’intervallo sul punteggio di 1-6 suscitando la rabbia di Fabrizio Buonocore, che durante l’intervallo da bravo capitano cerca di scuotere i suoi compagni: “Non siamo proprio scesi in acqua, ci vuole un po’ d’amor proprio!”.

Al ritorno in campo i giallorossi ci mettono più cuore e nei tempi centrali giocano alla pari con il Posillipo, ma nell’ultima frazione la squadra di Cufino riprende il comando delle operazioni e in contropiede dilaga mandando a bersaglio la gran parte dei suoi giocatori. Nell’ultima frazione Cappuccio prende il posto di Negri tra i pali e fa un figurone neutralizzando anche un rigore tirato da Primorac. Da segnalare, tra le cose più belle del match, un gran gol di Esposito, che ruba il pallone a centrocampo, s’invola verso la porta giallorossa, resiste al ritorno di Renzuto e batte Negri con una palombella davvero ben eseguita.

***

ACQUACHIARA-PRO RECCO 8-9 (2-2; 0-3; 4-3; 2-1)

Carpisa Yamamay Acquachiara: Kacic, Perez 2, Mattiello, Luongo, Scotti Galletta, Petkovic 1, Gambacorta 2, Ferrone, Saviano, Draskovic 2, Di Costanzo. Sadovyy 1, Postiglione. All. De Crescenzo P.

 

Pro Recco: Tempesti, Lapenna F., Madaras, Figlioli 1, Giorgetti, Felugo, Jokovic 3, Janovic 1, Ivovic 1, Aicardi 2, Gitto N., Giacoppo 1. All. Tempestini.

Arbitri: Pascucci e Rotondano.

Superiorità numeriche: Acquachiara 2/7, Pro Recco 3/8.

NAPOLI – Il bellissimo gol in apertura di Sadovyy (schiaffetto su assist di Luongo) e il 2-2 realizzato da Perez con un gran tiro da fuori, replicando prodezze già realizzate dall’azzurro contro la Canottieri Napoli, fanno capire ai tifosi biancazzurri presenti alla Mostra d’Oltremare che l’Acquachiara non ha alcuna intenzione di fare da comprimario alla Pro Recco. Infatti, dopo il prepotente allungo dei campioni d’Italia nel secondo tempo e nella prima parte della terza frazione (3-7), l’orgoglio della squadra di De Crescenzo (abbinato a tanti errori dei liguri) fa s√¨ che la Carpisa Yamamay riduca progressivamente il vantaggio biancoceleste riducendolo all’osso grazie soprattutto al tandem Petkovic-Draskovic. Giocano molto bene i biancazzurri e ci mettono tanto cuore, a cominciare da capitan Ferrone, ma non riescono a completare l’opera. Il pareggio sfugge per un soffio: sul punteggio di 8-9 due superiorità numeriche consecutive non vengono sfruttate da Stefano Luongo, ex di turno, anche per la bravura di Tempesti, che però perde il duello a distanza con l’ottimo Kacic.

Condividi