Maratona di New York. Atleta più anziana taglia traguardo e muore il giorno dopo

La donna più anziana a gareggiare domenica scorsa nella maratona di New York è morta per un trauma subito in una caduta durante la gara. Lo hanno riferito oggi i media statunitensi. Joy Johnson aveva 86 anni e tre giorni fa aveva concluso la sua venticinquesima 42 chilometri della ‘big apple’. Sua sorella Faith Anderson ha spiegato che è caduta al trentaduesimo chilometro e ha battuto la testa sull’asfalto.

I medici avrebbero voluto portarla in ospedale, ma lei ha insistito per continuare e raggiungere il traguardo. Luned√¨ ha partecipato a un programma televisivo e in seguito si è sentita stanca, è tornata in albergo si è sdraiata sul letto per riposare ma non si è più svegliata. I medici dell’ospedale ‘Bellevue’ hanno affermato che è morta a causa del trauma della caduta. (adnkronos.com)

Condividi