Maggio: “Occhio all’Atalanta. Champions? Quella musica al San Paolo…”

Tornato alla base dopo la parentesi in nazionale, Christian Maggio è stato l’ospite d’onore durante la diretta di Radio Goal. Il laterale azzurro si è concesso in una lunga intervista andata in onda sulle frequenze di Radio Kiss Kiss. Si parte dall’impegno di sabato, nell’anticipo contro l’Atalanta: “Una sfida tosta, come sempre. Ci aspettano tutte gare difficili soprattutto perch√© al San Paolo molte avversarie puntano anche al pareggio. Ma abbiamo forza e consapevolezza di poter affrontare la partita puntando al massimo. Sarebbe importante arrivare al match col Borussia con una energia positiva”.

Mercoled√¨ ritorna la Champions con l’esordio al San Paolo contro il Borussia Dortmund: “La Champions è una emozione incredibile. Ricordo l’esordio due anni fa a Manchester. E poi al San Paolo quella musica è qualcosa di spettacolare, fantastica. Speriamo di poter fare una grande Champions ed ascoltare la musichetta fino in fondo”.

Corsa scudetto. Non ci sono solo Napoli e Juve: “Io credo che non esista un dualismo, ci sono tante squadre che possono emergere e lottare per il vertice. La stessa Inter che non ha le coppe può dare il massimo in campionato. Poi c’è la Roma, la Fiorentina, il Milan, insomma è ancora presto per fare valutazioni ma sarà un bel campionato. Da parte nostra conta solo la partita di sabato sera e cercheremo di fare risultato pieno.

Da Mazzarri a Benitez, è cambiato anche tatticamente il ruolo di Christian Maggio: Questo modulo mi dà maggiore responsabilità difensiva, ma per me non è una novità perch√© già alla Samp anni fa ho ricoperto quel ruolo. Cos√¨ come mi sta capitando in Nazionale. Ho la fortuna di avere la fiducia di Benitez e di giocare in un gruppo fortissimo anche con questo nuovo schema.

Prima che gli azzurri scendano in campo, a San Siro sarà derby d’Italia tra Inter e Juve: “Beh se vale in prospettiva meglio un pareggio. Ma noi pensiamo solo alla nostra partita e cercheremo di vincere sabato”.

Nella parentesi con la nazionale, l’Italia ha finalmente conquistato il pass per il prossimo mondiale brasiliano: “E’ andata finalmente, sono state due partite molto sofferte, c’era tanta attesa e volevamo chiudere il conto prima possibile. Adesso siamo più tranquilli e penseremo ai Mondiali dopo il campionato”.

Insieme a lui, alla corte di Prandelli, c’era anche Insigne: “Lorenzo è un ragazzo splendido ed ho la fortuna di giocarci insieme nel Napoli. E’ giovane, forte e può ancora migliorare tanto. Può rappresentare il futuro del calcio italiano, ha grande carattere e tanto talento e gli auguro di poter fare una grande carriera.

Condividi