L’intervista. Andrea Puca: “Felice di indossare la maglia del Castelfidardo”

CASTELFIDARDO. Andrea Puca, difensore, classe ’97, per la stagione 2019/2020, ha lasciato nuovamente la Campania, e si è recato alla volta delle Marche, e ha sposato il progetto Castelfidardo in Eccellenza. Puca ha giocato in Lega Pro con l’Ischia, per poi consolidare la propria esperienza in serie D in piazze come Potenza, Francavilla, Correggese.
La passata stagione il calciatore ha giocato in Eccellenza, per la prima volta nella sua vita, con il Catelvetro. Puca appartiene alla SF Management, struttura di consulenza sportiva per società e calciatori, il procuratore del difensore è Salvio Pietroluongo, che ha curato tutta la trattativa che ha portato lo stesso calciatore al club marchigiano.

La nostra redazione ha raggiunto telefonicamente Andrea Puca, che è felice della scelta fatta di sposare questo progetto cos√¨ bello e ben strutturato: Sono davvero contento di indossare la maglia del Castelfidardo per questa stagione. Una società seria e strutturata bene che può puntare ad obiettivi interessanti. Abbiamo fatto il nostro esordio in Coppa, ma la gara di andata non è andata benissimo, ma possiamo tranquillamente rifarci in quella di ritorno. Siamo un bel gruppo che sta lavorando tanto e di certo possiamo fare bene”.

Quel rapporto speciale con il tecnico Maurizio Lauro: “Ho avuto la fortuna di trovare qui un super allenatore Maurizio Lauro, che mi sta trasmettendo davvero tante cose positive. Il mister ha giocato in contesti professionistici molto importanti, di serie A e B, e da lui non si può che imparare. Mi piace la sua mentalità che è assolutamente vincente, fondata sul lavoro e sul sacrificio. Per un ragazzo come me avere la fortuna di essere allenato da una persona del genere è davvero una grande fortuna. Il mister riesce a far uscire fuori il meglio di te. Quindi tengo a ringraziarlo per tutto quello che sta facendo per me”.

L’augurio del giovane difensore: “Non mi piace prefissarmi traguardi, ma quello che tengo a dire alla società, al mister, ai compagni di squadra, ai tifosi, è che partita dopo partita lotteremo fino all’ultimo. Non sarà facile batterci, il nostro obiettivo è quello di dare il massimo e fare bene. Abbiamo tanto da migliorare, ma come ci dice sempre il mister possiamo arrivare lontano. A livello personale, darò il massimo, come ho sempre fatto, per superarmi sempre e crescere tecnicamente e tatticamente”.
Condividi